Categorie
Cannes Costa Azzurra divertimenti Idee di Viaggio Movida vacanze Viaggi

Cannes, città del divertimento e della vita notturna

Cannes è una città bellissima, non solo perché si affaccia sulla Costa Azzurra, non solo per i suoi splendidi palazzi e per la meraviglia della natura, ma anche perché è una meta perfetta per chi cerca una vacanza all’insegna del divertimento e della vita notturna.

È bene sapere che è un luogo perfetto per ogni tipologia di turista: da quello che cerca locali alla moda e tante possibilità di svago, a coloro che optano per una vacanza in famiglia, fino al viaggiatore che sceglie il relax immerso in una location da sogno.

Cannes è la meta per chi vuole soggiornare in un luogo vivo e vivace, dove ogni desiderio può essere esaudito: cibo gustoso, negozi favolosi, locali per tutti i gusti, per una vacanza indimenticabile.

Cannes, il divertimento e la vita notturna assicurati

La Costa Azzurra è una meta fantastica per una vacanza all’insegna della bellezza. Non solo perché la natura qui ha creato luoghi spettacolari, ma anche perché si tratta di una zona molto elegante e piena di vita. In particolare, Cannes dove la raffinatezza e il gusto sono di casa, così come lo sono il divertimento e la vita notturna.

Casinò a Cannes

Se c’è un luogo dove il divertimento è assicurato, quello è Cannes. A partire da quella che è una delle sue attrazioni principali: il Casinò Barrière che si trova lungo la celebre Croisette, il lungomare cittadino che si snoda per ben due chilometri.

Si trova all’interno del celebre Palais des Festivals et des Congrès che ospita il Festival del Cinema, appuntamento che ogni anno richiama tantissime persone, oltre a star internazionali della settima arte e non solo. Qui vengono organizzati moltissimi eventi ed è uno dei cuori pulsanti della città.

Oltre al Casinò Barrière, vi sono altre due strutture in città: il Casinò 3.14, che si trova nel centro di Cannes, e les Princes sulla Croisette. Di fatto Cannes è una vera e propria meta d’eccellenza per chi ama il gioco d’azzardo con tre differenti offerte aperte fino a notte fonda.

Dove andare a Cannes per una serata bella e romantica

Ci sono diverse zone della cittadina ricche di locali alla moda per partire da un aperitivo e concludere con una serata in discoteca, tra bar, ristoranti e luoghi ricchi di musica e divertimento. Tra le aree più vivaci di Cannes, oltre alla già citata e celebre Croisette, vi è anche Le Suquet: si tratta della parte antica della cittadina, dalla quale si può godere di una magnifica vista. Qui si possono scattare foto spettacolari e carpire un po’ l’anima di questo luogo. È un’area ricca di ristoranti, perfetta anche per una serata romantica.

Ai piedi della collina di Le Suquet vi è il porto vecchio: merita un giro non solo per ammirare con i propri occhi imbarcazioni di lusso, ma anche per fermarsi a mangiare qualcosa nei numerosi ristoranti di pesce che si trovano lì.

Cannes per tutti i gusti: dall’aperitivo a notte fonda

Se si cerca una vivace vita notturna Cannes è la meta ideale, grazie ai tantissimi locali che offrono serate per tutti i gusti.

Se si desidera una vista spettacolare, oltre a servizi di classe, si può optare per una delle numerose terrazze panoramiche presenti in città. Ci sono diversi locali che regalano una vista unica e indimenticabile, che spazia su Cannes e il suo mare spettacolare, luoghi da scegliere se si desidera bere un drink o cenare.

La Croisette è un tripudio di locali per ogni tipologia di viaggiatore: ovunque ci si fermi si trova qualcosa da fare o da esplorare. Ma non solo in quei due chilometri di passeggiata, perché anche le strade più centrali della cittadina regalano location da non perdere.

Tanti i locali apprezzati come, ad esempio il ristorante – cabaret Médusa dove non solo godere di una cena favolosa, ma anche di spettacoli indimenticabili che intrattengono gli ospiti. Oppure Le Baoli che è ristorante, un locale lussuoso con vista spettacolare sul mare e un club dove ballare fino a notte fonda. Si trova a Cannes, Port Pierre Canto lungo la Croisette.

Tra i ristoranti da non perdere, poi, vi è il ristorante Palme d’Or che si trova nell’Hotel Martinez lungo la Croisette. Tra i club impossibile non citare Bisous Bisous, dove ascoltare ottima musica in una location che strizza l’occhio agli anni Settanta.

Per giornate di sole e mare, poi, non si possono perdere i numerosi lidi che offrono ai propri ospiti tantissimi servizi, relax e anche divertimento.

Cannes è anche shopping

Quando si parla di Cannes non si può non citare lo shopping: anche quello, del resto, per molti fa parte del divertimento.

In questa splendida cittadina della Costa Azzurra ci sono negozi di ogni genere. Per chi desidera fare una passeggiata tra le vetrine, non può mancare un giro tra Rue Meynadier e Rue d’Antibes: le due strade offrono un colpo d’occhio spettacolare e una grandissima scelta che spazia dall’abbigliamento per non dimenticare il cibo. Cannes, come tutta la Francia, è un luogo dove il gusto più sopraffino può essere coccolato con prodotti e ricette eccezionali.

Per chi desidera vivere un’esperienza ancora più autentica è immancabile un giro al Marché Forville, che si trova in un delizioso quartiere ricco di locali e negozi. Si tratta di un mercato al coperto realizzato negli anni Trenta dove poter acquistare tantissimi prodotti tipici del territorio. Si trova tra la zona più vecchia della cittadina e il porto ed è aperto al pubblico con la sua ampia scelta gastronomica dal martedì alla domenica a partire dalle sette del mattino e sino alle 13.

Il lunedì, poi, è un giorno davvero speciale per questo luogo che si trasforma e diventa un vero e proprio mercato delle pulci dove trovare tantissime tipologie di oggetti usati: aperto dalle 7 alle 17,30.

Tra gli altri mercati da visitare vi è quello di Gambetta che si trova nella piazza che porta il medesimo nome. È aperto tutte le mattine (lunedì escluso) e, oltre a prodotti alimentari e fiori, si trova anche abbigliamento. Infine, La Bocca, dove il sabato e il mercoledì si possono acquistare capi di abbigliamento, mentre gli altri giorni (chiusura il lunedì) si possono acquistare prodotti alimentari.

Vita notturna, divertimento, locali curatissimi, shopping e un’accoglienza da favola: Cannes è la meta perfetta per una vacanza indimenticabile a ogni età.

Categorie
Costa Azzurra Idee di Viaggio Viaggi

Le Isole d’Oro della Costa Azzurra, sogno a occhi aperti

Le Isole di Hyères, chiamate nell’antichità anche Isole d’Oro grazie ai riflessi dorati del tramonto sulle rocce, sono le più note e apprezzate dell’altrettanto magnifica Costa Azzurra, contraddistinte da una natura incontaminata e lambite da acque turchesi e cristalline.

Sono Porquerolles, il principale centro turistico, Le Levant, dedicata al naturismo, e Port-Cros, parco nazionale e riserva marina.

Autentico paradiso per le immersioni, per le regate con la vela e per emozionanti escursioni in barca dal fondo in vetro per ammirare i fondali che pullulano di vita marina ma non soltanto.

Come arrivare alle Isole d’Oro della Costa Azzurra

Le tre splendide isole sono comodamente raggiungibili dalla cittadina di Hyères oppure dalla penisola di Gens con collegamenti di un’ora per Port-Cros, mezz’ora per Le Levant e una ventina di minuti per Porquerolles.

Su ognuna di esse sono in vigore regole ferree per tutelare lo straordinario patrimonio naturalistico ed è quindi vietato campeggiare, accendere fuochi, pescare, la raccolta delle conchiglie e delle piante, e uscire dai sentieri segnalati.

Porquerolles, eco dei Caraibi

Con la particolare forma a mezzaluna, candide spiagge, costa frastagliata, verdi pini e profumata macchia mediterranea, Porquellos è sicuramente la più affascinante tra le Isole d’Oro della Costa Azzurra, che ricorda un remoto eden caraibico.

Visitabile solo a piedi o in bicicletta, è perfetta per le escursioni, le immersioni, il ciclismo e relax in spiaggia: tra le più incantevoli vanno menzionate La Courtade, la più vicina al paese e a misura di famiglia, Notre Dame, eletta Spiaggia più bella d’Europa nel 2015, la Plage d’Argent protetta da una fresca pineta, e la Spiaggia di Langoustier, amena caletta riparata dal vento.

Tra i punti di interesse vi sono, invece, il punto panoramico mozzafiato Calanque de l’Indienne con maestose scogliere, l’ottocentesco Faro a 84 metri sul livello del mare da cui godere di una vista indimenticabile, la Chiesa di Sainte-Anne, monumento storico, la Fondazione Carmignac, antico casale trasformato in museo che custodisce opere di artisti del calibro di Warhol e Botticelli, e il tipico mulino a vento della Provenza, il Mulino du Bonheur.

Da vedere anche le fortificazioni militari quali il Forte di S. Agatha del XVI secolo, oggi cornice del Porquerolles Jazz Festival, il seicentesco Forte de l’Alycastre e il Forte De Repentanc, ora monastero ortodosso.

Port-Cros, riserva naturale del Mediterraneo

L’isola di Port-Cros è parco nazionale nonché riserva protetta del Mediterraneo per la salvaguardia di fauna e flora con 1800 ettari di mare e 700 di terra.

Aspra e selvaggia, è la scelta ottimale per gli amanti della natura che potranno scoprirla, passo dopo passo, esclusivamente a piedi.

Durante il trekking e le escursioni lungo i numerosi sentieri che si diramano dall’imbarcadero, è consigliabile avere con sé abbondanti scorte d’acqua poiché sull’isola scarseggia.

Levant e lo stile di vita del naturismo

Infine, scopriamo l’isola di Levant, quasi per la sua interezza zona militare tanto che è aperta al pubblico solo una piccola area sulla costa occidentale, dedicata per lo più al naturismo.

Infatti, qui sorge il villaggio di Héliopolis dove il naturismo è praticato non appena il clima lo permette, con rispetto e tolleranza, uno stile di vita che attrae la maggior parte dei turisti tra luglio e agosto.

La pratica del naturismo è permessa dappertutto su Levant, a eccezione della piazza del paese e delle zone pubbliche intorno al porto. Ma non è tutto: diventa obbligatoria sull’unica spiaggia accessibile, la Spiaggia delle Grottes.

Tuttavia, per chi ha il desiderio di esplorare l’isola ma non è naturista, è disponibile un apposito percorso naturalistico (di circa due ore e mezza) che conduce dall’accesso della tenuta, sulla cima del villaggio, al Cirque de la Galère e poi, costeggiando il mare, fino al porto.

Da ricordare che le strade non sono illuminate per cui, al calar del sole, è indispensabile munirsi di torcia.

Categorie
Costa Azzurra Europa Francia Idee di Viaggio itinerari Viaggi weekend

Un’estate speciale tra gli angoli più nascosti della Costa Azzurra

A due passi dall’Italia, la Costa Azzurra è una delle destinazioni più amate. Da scoprire d’estate, ma non solo, visto che qui il clima è mite tutto l’anno e le giornate di sole sono molto frequenti.

Quello che vi proponiamo è un breve itinerario per trascorrere un weekend (o anche più, se lo desiderate) non lontano dal confine italiano, tra angoli nascosti e poco noti, per assaporare appieno il fascino di un luogo che, da sempre, incanta e fa innamorare.

Itinerario a piedi tra le bellezze della Costa Azzurra

Da Beaulieu-sur-Mer

L’itinerario parte dalla cittadina di Beaulieu-sur-Mer per poi giungere a Nizza, che dista meno di dieci chilometri. Dicono che, giunto sulle alture di Beaulieu, Napoleone Bonaparte abbia esclamato: “Quel beau lieu!” (“Che bel luogo!”), da cui il nome. A Beaulieu ci sono due spiagge, la Petite Afrique, la più grande, così chiamata per le palme che ne fanno un angolo piuttosto esotico, e la Baie des Fourmies, la Baia delle Formiche, più piccola e molto amata dalle famiglie.

villa-kerylos-beaulieu-sur-mer

Fonte: 123rf

Villa Kérylos a Beaulieu-sur-Mer

Le spiagge sono quasi esclusivamente libere ma sorvegliate e molto ben tenute. Pochi sono, invece, gli stabilimenti balneari, che però sono molto belli ed eleganti e aperti da mattina – quando organizzano lezioni di yoga all’alba – fino a notte inoltrata, dove poter prendere un aperitivo, cenare e fare un dopo-cena con gli amici. Due sono alla Petite Afrique, Baia Bella e La Javanaise, dove tra piante di banani e tessuti esotici sembra proprio un angolo di Giava, una invece è alle Fourmies, la Anao Plage.

Molti turisti visitano Beaulieu-sur-Mer per via della Villa Kérylos, un bellissimo edificio che riproduce un’antica villa greca e che si trova sulla punta estrema a picco sul mare. Nella mitologia greca, Kerylos era un uccello mitologico che si pensava fosse portatore di buoni presagi. La villa fu fatta costruire da un privato, Théodore Reinach, all’inizio del 1900, facendo riprodurre tutto nell’antico stile greco, dall’architettura ai mosaici fino agli arredi interni.

Sul sentiero per Saint-Jean-Cap-Ferrat

Dalla villa, una bellissima passeggiata a picco sul mare lunga meno di 2 km, accessibile anche con i passeggini, conduce diritto a Saint-Jean-Cap-Ferrat (che qui chiamano Saint-Jean o Cap-Ferrat), meta super vip della Costa Azzurra. A Saint-Jean non si contano le ville di lusso, oggi di proprietà più che altro di oligarchi russi. Ma ce ne sono di storiche che hanno moltissimo da raccontare.

promenade cap ferrat

Fonte: 123rf

La Promenade Maurice Rouvier tra Beaulieu e Cap Ferrat

Proprio lungo la passeggiata, la Promenade Maurice Rouvier, nella place David Niven, s’incontra la scenografica villa color rosa appartenuta tra gli Anni ’60 e ’70 al famoso attore hollywoodiano vincitore di un premio Oscar. Si dice in giro che nella villa “Lo Scoglietto” amasse intrattenersi nientemeno che con la sua collega e grande amica, Grace Kelly, divenuta nel frattempo principessa Grace di Monaco (quando non era impegnato con la principessa Margaret, sorella della regina Elisabetta d’Inghilterra).

Facendo una piccola deviazione dalla promenade si può salire a Villa Ephrussi de Rothschild, una delle ville più belle e famose della Costa Azzurra. Voluta dalla baronessa Béatrice de Rothschild, appartenente alla grande famiglia di banchieri, nei primi del Novecento, questa villa color rosa si trova su un promontorio sull’istmo di Cap-Ferrat con vista mozzafiato sul Mar Mediterraneo. La baronessa riempì il palazzo con mobili antichi, dipinti di Maestri, sculture, oggetti d’arte e riunì una vasta collezione di rare porcellane. I giardini sono classificati dal ministero della Cultura francese come uno dei giardini notevoli di Francia. Oggi la villa è aperta al pubblico e d’estate vi si tengono bellissimi concerti all’aperto.

Villa-Ephrussi-de-Rothschild-cap-ferrat

Fonte: 123rf

La Villa Ephrussi de Rothschild a Cap Ferrat

Vista dall’alto, Saint-Jean-Cap-Ferrat ha la forma di una mano e tra le sue cinque dita ci sono un’infinità di spiagge e di piccole cale, di sabbia, sassi o grandi massi. La scelta è molto vasta e ciascuno è libero di scegliere quella che preferisce.

Come su tutta la Costa Azzurra, la maggior parte dei lidi è ad accesso libero, ma ci sono alcuni stabilimenti privati, tra cui la famosissima Plage Paloma, frequentata da vip che spesso la raggiungono a bordo dei loro mega yacht. Qui l’acqua è incredibilmente limpida e si può fare uno dei bagni più belli. Si possono anche noleggiare tavole da paddle e pagaiare al largo tra mangrovie e fauna mediterranea.

Tappa a Villefranche-sur-Mer

Il sentiero gira tutt’intorno a Cap-Ferrat, passando per il piccolo porto, il paese e costeggiando il mare e le altre spiagge – tra le più belle c’è la Plage de Passable, che regala una bellissima vista sulla cittadina di Villefranche-sur-Mer (raggiungibile anche in autobus in circa cinque minuti).

villefranche-sur-mer

Fonte: 123rf

La cittadina di Villefranche-sur-Mer

Villefranche è la meta più ricercata da chi ama la movida. Sviluppata su una collina, che culmina sulla cittadella del XVI secolo, questa cittadina è tutta un sali-scendi di gradini e di ripide stradine lungo le quali s’affacciano deliziosi negozietti e, soprattutto, tanti locali e ristoranti.

La spiaggia, benché molto grande, non è la più bella della Costa Azzurra, bisogna dirlo, ma il golfo, un anfiteatro naturale sul mare, è decisamente da cartolina. Camminando in direzione di Nizza si costeggia il porto con le case color pastello e le barche dei pescatori. Merita una tappa un insolito piccolo museo: il Museo della marina, allestito dai marinai locali, con decine di modellini di navi, caravelle, velieri da perdere la testa.

Direzione Nizza

La separa da Nizza solo Mont Boron, una collina sulla quale si sviluppa il quartiere più bello di Nizza, le cui case e condomini hanno tutti una vista impagabile sul mare e sulla mitica Promenade des Anglais. Volendo, si può camminare fino a Nizza seguendo la pista ciclo-pedonale. Se decidete di andare a piedi, tappa obbligata è al Plongeoir, l’indirizzo più cool della Costa Azzurra: si tratta di un locale/ristorante, la cui particolarità sta nel fatto di estendersi fin su una roccia circondata dal mare. Un aperitivo all’ora del tramonto è top!

D’estate, tuttavia, il consiglio è di prendere il primo autobus che passa, il numero 15 o il 607, che porta fino al Port Lympia di Nizza, da dove poi si accede alla Vecchia Nizza e al resto della città.

Port-Lympia-nizza

Fonte: 123rf

Nizza, Port Lympia
Categorie
Costa Azzurra Europa Francia itinerari culturali panorami Provenza Viaggi

Tour della Francia del Sud: Costa Azzurra, Provenza e Camargue

Non bisogna andare troppo lontani dall’Italia per scoprire paesaggi incantati e angoli di mondo incredibilmente suggestivi ma quasi completamente diversi dai nostri. Basta dirigersi al confine, per poi spingersi un po’ più in là, e lasciarsi avvolgere completamente da atmosfere vivaci e, allo stesso tempo, di un’eleganza e semplicità uniche.

Dov’è possibile fare tutto questo? In Francia del Sud, un territorio costellato di meraviglie e in cui fare dei tour che sono in grado di regalare emozioni uniche nel loro genere.

Caldana Europe Travel, un grande e dinamico tour operator specializzato nell’organizzazione di viaggi guidati con accompagnatore in Italia e in Europa, ne pianifica diversi che sono uno più irresistibile dell’altro.

Costa Azzurra: mare e lusso

Qualsiasi tour che si rispetti della Francia del Sud non può che cominciare dalla Costa Azzurra che è in grado di regalare un viaggio perfettamente in equilibrio tra angoli di natura lussureggiante, arte, storia, cittadine mondane, mare e lusso.

Dapprima Nizza, città sempre in festa e ricca di locali alla moda, che conserva fieramente il fascino retrò della sua città vecchia insieme alla raffinata architettura in stile belle époque. E poi sì, qui c’è anche la possibilità di rilassarsi grazie alle meravigliose passeggiate lungo il mare o le piccole soste in spiaggia.

Vi basti pensare a Saint Tropez, meta spesso frequentata da vip, che si distingue per il suo vivace centro storico fatto di facciate dai colori pastello che vanno a incorniciare un romantico porto. Se da un lato la si può considerare la patria di yacht e barche di lusso, dall’altro è una bellissima cittadina dai tetti con le tegole rosse e di grande fascino.

Saint Paul de Vence

Fonte: Caldana Europe Travel

Saint Paul de Vence

C’è poi Saint Paul de Vence che in molti sono pronti a giurare che sia il borgo più romantico di tutta la Provenza: abbarbicato su una montagna, è un villaggio interamente pedonale dove scoprire piazzette armoniose, vedute emozionanti e piccoli angoli di fascino.

Cannes

Fonte: Caldana Europe Travel

Cannes

Infine Cannes che tra palazzi d’epoca, ristoranti alla moda, yacht colossali e tantissime persone in vacanza, custodisce anche qualche angolo di pace che conquista il cuore di ogni suo visitatore.

Alla scoperta delle Terre di Provenza

Per fare un vero viaggio nel Sud della Francia bisogna addentrarsi nel suo cuore più puro: quello delle Terre di Provenza. I viaggi di Caldana Europe Travel permettono di farlo attraverso itinerari che toccano tutto il meglio di questo angolo di mondo dai profili magici.

Gordes

Fonte: Caldana Europe Travel

Gordes

In Provenza, per esempio, è possibile scoprire una serie di borghi arroccati che sembrano delle piccole bomboniere. È il caso di Gordes, luogo dal fascino senza tempo, dove spiccano le bianche rocce che compongono le case rendendolo unico e inimitabile.

Rousillon

Fonte: Caldana Europe Travel

Rousillon

Poi ancora Rousillon che, invece dei colori candidi del villaggio precedente, sfoggia tonalità rossastre e ocra grazie alla terra estratta dalle cave vicine che, anche se solo per un attimo, fanno credere al visitatore di essere approdato in un parco americano. Un paese che con la luce del sole dà il meglio di sé fondendosi con armonia nel blu del cielo limpido e nel verde della natura che lo circonda.

La Provenza è una regione caratterizzata da un clima così mediterraneo che con molta probabilità è tra i migliori di tutto il Paese. E sono proprio le condizioni atmosferiche dolci che permettono la fioritura della pianta che più la contraddistingue: quella della lavanda. Campi ondulati dalle mille tonalità di viola sono il fiore all’occhiello di un tour in queste zone, uno spettacolo imperdibile poiché sembra un mare viola che si perde a vista d’occhio.

Senanque

Fonte: Caldana Europe Travel

Senanque

Sì, pare di stare in un quadro impressionista in cui il ronzare delle api e delle cicale, il profumo intenso, i contrasti del tramonto, e molto altro ancora, rendono l’esperienza quasi onirica. Gli amanti della fotografia troveranno pane per il loro denti presso il pittoresco borgo di Sault e l’abbazia di Senanque, un capolavoro dell’architettura cistercense che si riempie di ancor più fascino quando fiorisce la lavanda.

Un viaggio nella Francia del Sud permette di toccare con mano, mangiare con gli occhi e amare con lo spirito il cosiddetto “douce France”, quel concetto che esprime la spensieratezza, la cultura, la cucina, le tradizioni, i paesaggi naturali, i cieli blu e gli orizzonti che impreziosiscono questo angolo francese: la Provenza è tra le espressioni massime della bellezza più autentica della Francia.

Una piacevolezza che si può percepire a 360 gradi anche in “Un Anno in Provenza”, il famoso libro di Peter Mayle che è stato poi trasformato in un omonimo film di successo. Un’opera che ha contribuito a far conoscere questo sinuoso territorio francese in tutto il mondo. Non a caso tra le righe non solo è possibile leggere degli angoli più incantati di questa regione, ma anche delle sue maestrie artigiane che lo rendono ancora più speciale e peculiare.

Camargue: una regione unica caratterizzata da paesaggi naturali mozzafiato e una fauna selvatica

E chi vuole conoscere il Sud della Francia ancora più a fondo può partecipare tour di Caldana Europe Travel Provenza e Camargue, una zona di cui è praticamente impossibile non innamorarsi.

La Camargue è una regione eccezionale che consente di fare un “bagno” di paesaggi naturali dai profili divini e di scoprire una fauna selvatica che sa colpire.

Aigues Mortes

Fonte: Caldana Europe Travel

Aigues Mortes

Vi basti pensare che da queste parti il nostro meraviglioso Mar Mediterraneo si fonde con le diverse bocche del Rodano. Quel che emerge è un paesaggio punteggiato di lagune, stagni, praterie, distese di sabbia e sale dove spesso si possono avvistare fenicotteri rosa ed aironi. Un’area famosa persino per l’allevamento di tori e cavalli bianchi, anche se a lasciare privi di parole è Aïgues Mortes, un borgo fortificato medievale protetto da possenti bastioni dove a perdita d’occhio si estendono saline dall’acqua rosa.

Camargue

Fonte: Caldana Europe Travel

Camargue

Saintes Maries de la Mer è invece la suggestiva Capitale di questa affascinante regione. Si presenta come un intreccio di case dai colori candidi che fanno da scudo a una meravigliosa chiesa romanica. Il paesaggio da cui è circondata è autentico e selvaggio, con il vento che va ad accarezzare immense spiagge di sabbia bianca, mentre i gitani che popolano la località si aggirano nelle piazzette con chitarre e cappelli neri.

Basta poi percorrere pochi chilometri per raggiungere distese di rosa che tolgono il fiato: le saline più grandi d’Europa, situate a Salin-de-Giraud. Tra tonalità viola, rossastre e mille sfumature di rosa, si innalzano nel cielo enormi montagne di sale silenziose, un incredibile paesaggio di natura allo stato puro e dove dimorano anche oltre 200 specie di uccelli, e più di 260 tipologie di piante.

Arles - Espace Van Gogh

Fonte: Caldana Europe Travel

Arles – Espace Van Gogh

Poi ancora Arles, una città che è stata persino inserita nell’elenco dei siti Unesco per via della presenza di numerosi monumenti romani. Un luogo in grado di incarnare perfettamente lo spirito della Camargue: gitana, pregna di storia, di arte, e contemporaneamente anche ospitale e vivace.

Quelle che vi abbiamo raccontato sono solo alcune delle tappe dei tour. Non resta che scoprirli più a fondo per regalarsi un viaggio che arricchisce lo spirito, il bagaglio culturale e le esperienze di ognuno di noi.

Categorie
Costa Azzurra Europa Posti incredibili Viaggi

La cappella delle meraviglie nel cuore della Costa Azzurra

Parlare di Costa Azzurra vuol dire, inevitabilmente, fare un sogno a occhi aperti. Lo stesso che accomuna da secoli viaggiatori, vacanzieri, principi e imprenditori, e poi ancora artisti che hanno scelto di trasformare questo territorio nella loro musa.

Tutto ciò che conosciamo di quella porzione della costa della regione francese Provenza-Alpi-Costa Azzurra, ci incanta da sempre. E non abbiamo di certo bisogno di elencare tutti i motivi che rendono un viaggio qui un’esperienza indimenticabile.

Quello che possiamo fare, però, è parlarvi di un luogo che non tutti conoscono. Un capolavoro artistico e religioso, ma anche spirituale e mistico che lascia senza fiato e che si trova proprio in Costa Azzurra. Si tratta di una cappella delle meraviglie, quella di Saint-Pierre, che porta la firma indelebile di Jean Cocteau.

Villefranche-sur-Mer: la cappella di Saint-Pierre

Per scoprire questo luogo che sembra uscito da una favola, dobbiamo recarci in uno dei luoghi più suggestivi della Francia. Un porto bagnato da acque cristalline e da una vegetazione lussureggiante e rigogliosa.

Ci troviamo a Villefranche-sur-Mer, un delizioso paesino di pescatori incastonato tra Nizza e Monaco, e caratterizzato da case colorate che si affacciano sul mare turchese che brilla sotto il sole. Le passeggiate che conducono sul lungomare o nei vicoli stretti e suggestivi, si trasformano in un’esperienza di viaggio senza uguali da vivere a ritmo slow.

Seguendo le barche dei pescatori, che ondeggiano sinuosamente nei pressi del molo, è possibile raggiungere il porto. È proprio lì che si trova la meravigliosa cappella di Saint-Pierre decorata da Jean Cocteau nel 1957.

Cappella di Saint-Pierre, Villefranche-sur-Mer

Fonte: iStock

Cappella di Saint-Pierre, Villefranche-sur-Mer

La visione poetica di Jean Cocteau

Entrare nella piccola cappella di Saint-Pierre è come fare un viaggio un universo inedito e straordinario, fatto di spiritualità, ma anche di fascino e mistero. Un’opera visiva e poetica che porta la firma riconoscibile del grande Jean Cocteau.

Le origini della cappella di Saint-Pierre, che risalgono al XII secolo, sono strettamente collegate alla storia stessa di Villefranche-sur-Mer e alla volontà dei pescatori locali di dedicare un luogo sacro al loro patrono, San Pietro.

Per molto tempo, però, la cappella in completo stato d’abbandono fu utilizzata soprattutto come deposito per le reti dei pescatori, vista la vicinanza col Port de la Santé. Fu solo all’inizio degli ’50 che il poeta ebbe l’idea di ristrutturarla con una sua personale visione, la stessa che ha caratterizzato la sua intera opera.

I lavori di ristrutturazione, degli interni e degli esterni, cominciarono il 5 giugno del 1956, dopo una lunga trattativa condotta con l’amministrazione locale e i pescatori. Jean Cocteau si occupò in prima persona di realizzare gli affreschi interni, mentre per il restauro esterno scelse di collaborare con alcuni esperti regionali.

Così nasceva uno dei più grandi capolavori della Costa Azzurra. L’edificio accoglie i visitatori con decorazioni geometriche e colorate che si stagliano sul mare azzurro che fa da sfondo. All’interno, invece, 5 scene sapientemente disegnate raccontano la storia di San Pietro. Tra gli episodi della vita del Santo, però, appaiono anche simboli mistici e riferimenti all’intera produzione artistica del poeta. Le pareti laterali addossate all’ingresso, invece, sono di stampo profano e sono ispirate ai gitani del villaggio di Les-Saintes-Maries-de-la-mer e alle ragazze di Villefranche-sur-Mer.

Così è stata creata la cappella delle meraviglie, un luogo silenzioso e incredibile dove va in scena la grande bellezza, quella che incontra la religione e l’arte, pensata da Jean Cocteau.

Cappella di Saint-Pierre, Villefranche-sur-Mer

Fonte: IPA

Cappella di Saint-Pierre, Villefranche-sur-Mer
Categorie
Borghi Costa Azzurra Europa Idee di Viaggio luoghi misteriosi Viaggi

Il borgo della Costa Azzurra che sembra uscito da una fiaba

Quando parliamo della Francia, la nostra mente ci riporta inevitabilmente a quelle che sono le città più belle di un Paese straordinario. Impossibile non pensare a Parigi, e a tutte le meraviglie romantiche e suggestive che la Ville Lumière conserva, così come a Nizza, o a Marsiglia per esempio.

Eppure la Francia, quella da sempre ci affascina e ci suggestiona, non è raccontata solo attraverso le grandi e iconiche città, ma anche e soprattutto dai borghi. Quelli piccoli, suggestivi e pittoreschi, quelli che sembrano usciti da un libro di fiabe.

Ed è proprio in uno di questi luoghi che vogliamo portarvi oggi. In uno dei più bei villaggi delle Alpi Marittime. Un antico e suggestivo borgo, dall’animo incantato, affacciato sul Mar Mediterraneo. Benvenuti a Èze.

Il villaggio da fiaba nel cuore della Costa Azzurra

Il nostro viaggio comincia nella regione del sud est della Francia, quella conosciuta con il nome di Provenza-Alpi-Costa Azzurra. Si tratta di uno dei territori più affascinanti, suggestivi e seducenti del mondo intero, e chi ci è stato, almeno una volta nella vita, non può che confermarlo.

Conosciuta per i suoi incredibili paesaggi mozzafiato, questa regione ospita una varietà di panorami straordinari che si alternano e si susseguono creano scenari idilliaci. Dalle Alpi meridionali, alle pianure sterminate della Camargue, passando per le colline sinuose, i vigneti che si perdono all’orizzonte e i campi di lavanda. Ma questa è anche la regione della Riviera Francese, quella dove si snodano le eleganti ed esclusive città come Nizza, Saint-Tropez e Cannes.

Ed è proprio verso il mare che ci spostiamo oggi, per raggiungere quel villaggio pittoresco situato a picco sul mare. Il suo nome è Èze, ed è uno dei villaggi più piccoli della Costa Azzurra. Ma è anche uno scrigno di tesori da scoprire passo dopo passo, attraversando le stradine acciottolate che si inerpicano dolcemente verso l’alto, lì dove si apre un panorama incantato su tutto il Mar Mediterraneo.

Èze

Fonte: iStock/bwzenith

Èze

Èze: un borgo da scoprire

Arroccato su un’altura che affaccia direttamente sul Mar Mediterraneo, questo piccolo villaggio è da sempre considerato la perla delle Alpi Marittime. Situato a circa 400 metri di altitudine, Èze dà il benvenuto a tutti i viaggiatori che decidono di esplorarlo con un’imponente porta medievale fortificata. Questo è l’accesso al borgo, da qui si snodano tutta una serie di stradine e vicoli che ospitano edifici di diverse altezze e colori che raccontano la storia del borgo.

Occupato fin dai tempi antichi, questo villaggio che oggi conta circa 2000 anime, è stato crocevia di popoli, incontri e scontri. Le testimonianze più antiche riguardo la sua occupazione fanno riferimento al I secolo a.C.

Oggi, quella storia incredibile che ha visto nascere la cittadina fortificata, vive e rivive nelle tradizioni locali e nelle testimonianze ancora visibili tra le strade del borgo che si possono scoprire attraverso una passeggiata delle meraviglie.

I vicoli tortuosi che si inerpicano verso l’alto e verso il basso, ospitano oggi numerose botteghe di artisti e artigiani ai quali è affidato il compito di preservare e raccontare l’incredibile patrimonio del territorio.

Salendo in cima al villaggio è possibile raggiungere il suggestivo e inebriante giardino esotico che si snoda tra le rovine del castello e che, grazie alla sua posizione, permette di osservare quello che è il panorama più straordinario dell’intera Costa Azzurra.

Scendendo verso il basso, invece, è possibile raggiungere la frazione di Èze-sur-Mer che ospita spiagge bagnate da acque cristalline e trasparenti. Per attraversare il territorio, dall’alto verso il basso o viceversa, il consiglio è quello di percorrere il chemin de Nietzsche, un sentiero estremamente affascinante costellato da viste incantate, che prende il suo nome dallo scrittore che proprio qui si lasciò ispirare dalla grande bellezza del panorama per scrivere la terza parte di uno dei suoi più grandi capolavori: Così parlò Zarathustra.

Èze

Fonte: iStock

Èze