Categorie
animali linee aeree Lombardia Milano New York Nord America Notizie Viaggi

Decolla dall’Italia la prima compagnia aerea per animali (e i loro padroni)

Volare con un amico a quattro zampe può essere un’ardua impresa, soprattutto in caso di un viaggio transatlantico. Tuttavia, da oggi anche in Italia si può usufruire del primo servizio al mondo di noleggio di jet privati condivisi pay-per-seat dedicato agli animali domestici, che consente di viaggiare con il proprio pelosetto in cabina.

In questi giorni, infatti, K9 JETS ha annunciato il lancio del suo nuovo volo, che collega New York e Milano, con comode connessioni per Los Angeles. Un’offerta presentata come ‘innovativa’, che mira a fornire un’esperienza di viaggio piacevole, senza compromettere comfort e benessere umano e canino.

K9 JETS: da Milano a New York in cabina con il proprio cane

Il servizio K9 JETS garantisce che i cani possano accompagnare i loro padroni nei viaggi transatlantici. Obiettivo della compagnia è fornire un ambiente sicuro e tranquillo per gli animali domestici durante il viaggio. Gli aeromobili sono, quindi, attrezzati per soddisfare le esigenze specifiche dei passeggeri a quattro zampe. Ogni cabina dispone di ampie zone pet-friendly, progettate per restituire un’atmosfera familiare. Inoltre, un team dedicato di esperti può assistere i passeggeri in tutti gli aspetti del viaggio, inclusa l’organizzazione del trasporto via terra e la garanzia del rispetto di tutte le normative pertinenti per i viaggi degli animali domestici.

In definitiva, zero stress per animali e padroni, con procedure di check-in semplici, nessuna preoccupazione per la salute e la sicurezza dei propri amici a quattro zampe, nessun trauma dovuto al trasporto in stiva, nessuna attesa dovuta alla consegna del trasportino post arrivo e nessuno sbalzo di temperatura. L’obiettivo è di risparmiare ai proprietari il tempo impiegato per spulciare le regole spesso diverse da una compagnia aerea all’altra.

Le norme della Federal Aviation Administration ammettono in cabina con il proprietario i cosiddetti animali da servizio, ossia i cani per non vedenti o di sostegno psicologico. Quelli di piccola taglia possono salire a bordo chiusi in una borsa da posizionare sotto il sedile, ma oltre i 10 chili bisogna ricorrere alla gabbia nella zona cargo. Quest’ultima opzione è particolarmente temuta dai pet parents a causa degli sbalzi delle temperature, della scarsa ventilazione e di potenziali problemi nelle operazione di carico e scarico. Alcune linee aeree non consentono a determinate razze di volare, tra queste bulldog, pitbull e mastini.

Stando alle stime del Department of Transportation del 2023, circa 200 animali, quasi tutti cani, sono morti in volo negli Stati Uniti nell’ultimo decennio. K9 JETS è stata, quindi, fondata in risposta al crescente desiderio dei proprietari di animali domestici di spostarsi con i propri pelosi al seguito in tutta sicurezza e garantendo il massimo comfort.

“La nostra missione è quella di eliminare lo stress spesso associato ai viaggi con animali domestici, consentendo ai proprietari di creare ricordi indimenticabili delle vacanze senza preoccuparsi dei loro amici pelosi”, ha dichiarato Adam Golder, fondatore e client director di K9 JETS.

Volare con i propri animali da Milano: le date

Un volo a bordo del jet privato dedicato ai viaggi degli animali domestici con rispettivi padroni offre una vera e propria esperienza a 5 stelle (o, se vogliamo, a 5 zampe), e in quanto tale per il momento certamente non accessibile a tutte le tasche. I voli K9 JETS saranno disponibili mensilmente da Milano Malpensa a Teterboro, lo scalo per jet privati alle porte di New York, a partire dal 23 maggio.

Ecco le date per la tratta Milano-New York:

  • 23 maggio
  • 30 giugno
  • 25 luglio
  • 29 agosto
Categorie
lusso New York Nord America Notizie piscine skyline Viaggi

New York avrà la sua piscina: galleggerà tra i grattacieli

New York, la città che non dorme mai, sta per arricchirsi di un nuovo, straordinario punto di riferimento che promette di emozionare residenti e turisti. Il suo cuore pulsante, l’East River, accoglierà una meraviglia architettonica: una piscina pubblica galleggiante da cui ammirare lo skyline mozzafiato della città.

Si chiama + Pool questa piattaforma innovativa a forma di croce. Non solo un capolavoro architettonico, ma anche un esempio di ingegneria avanzata. Infatti, le sue pareti sono dotate di filtri speciali, progettati per consentire un flusso continuo dell’acqua del fiume attraverso la struttura. Ma c’è di più: mentre l’acqua fluisce, questi rimuovono detriti e microbi, garantendo un ambiente balneabile pulito e sicuro. + Pool rappresenta quindi una fusione perfetta tra design innovativo e funzionalità, offrendo un’esperienza di nuoto unica con vista sullo splendido panorama di Manhattan, tutto in totale sicurezza e rispetto per l’ambiente.

E la cosa più emozionante? Non dovremo aspettare molto per vederla. + Pool verrà installata già quest’estate, con l’obiettivo di aprire le porte al pubblico il prossimo anno, pronta a regalarci momenti di puro relax in un paesaggio senza eguali.

Una piscina da sogno nel cuore di Manhattan

Piscina galleggiante New York

Fonte: +Pool

+Pool, New York

New York è un luogo come nessun altro. Tuttavia, a dispetto della sua grandezza e bellezza, la città manca di uno spazio dove i suoi abitanti possano immergersi in acque naturali, pulite e sicure. Questa iniziativa audace e visionaria promette di portare un’oasi di serenità acquatica nel cuore pulsante della metropoli, offrendo ai newyorkesi un luogo unico dove nuotare e rinfrescarsi, pur rimanendo immersi nell’energia dinamica che caratterizza questa città.

Il progetto + POOL ha cercato un’area nel fiume per installare una piscina fluttuante unica nel suo genere, progettata per filtrare l’acqua in modo completamente naturale, senza l’uso di prodotti chimici o cloro. È un passo audace e innovativo, che promette di rivoluzionare non solo la Grande Mela, ma anche il nostro rapporto con l’ambiente fluviale urbano.

Un complesso versatile, composto da quattro diverse zone progettate per soddisfare ogni esigenza. La Kid’s pool, pensata per i più piccoli, la Sports pool per i più sportivi, la Lap pool per gli amanti degli allenamenti mirati e la Lounge pool, l’ideale per rilassarsi e godersi il sole in totale tranquillità. Ogni area può essere utilizzata in modo indipendente, offrendo ai nuotatori la libertà di scegliere l’ambiente più adatto alle loro esigenze. Per chi ama la competizione, è anche disponibile una sezione con le dimensioni standard delle piscine olimpiche.

+ POOL, la piscina eco-sostenibile che cambia il volto di New York

Secondo il progetto, questa piscina non sarà solo un luogo di svago e divertimento, ma assumerà un ruolo cruciale anche nella salvaguardia dell’ambiente. Infatti, avrà un duplice obiettivo: da un lato, offrire ai cittadini un luogo unico dove rilassarsi e divertirsi, dall’altro, contribuire attivamente alla pulizia dell’East River.

Grazie a un sistema all’avanguardia, sarà in grado di filtrare e purificare fino a 2,3 milioni di litri di acqua del fiume ogni giorno, trasformandolo in una risorsa vitale per la comunità. Inoltre, l’associazione ha in programma una serie di eventi gratuiti per sensibilizzare i newyorkesi sull’importanza dell’accesso all’acqua pulita e sulla necessità di proteggere le nostre risorse idriche.

Occasioni preziose per imparare e comprendere meglio come ognuno di noi può fare la propria parte, instillando un senso di responsabilità collettiva per comprendere che l’acqua non è solo una risorsa vitale, ma anche un tesoro da proteggere e conservare per le generazioni future.

Piscina galleggiante NY

Fonte: +Pool

+Pool, NY
Categorie
attrazioni turistiche italiane e internazionali New York Nord America Notizie Viaggi

Seduti e sospesi tra cielo a terra: la nuova e iconica attrazione a NY

C’è sempre un buon motivo per organizzare un viaggio a New York. La città che non dorme mai, e che invita a sognare a occhi aperti a ogni ora del giorno e della notte, è un concentrato di meraviglie che incantano e stupiscono a ogni passo.

Il romantico e suggestivo Central Park, il Teatro di Broadway e le luci a neon di Time Square. E poi, ancora, l’Empire State Building e tutti i grattacieli vertiginosi che compongono e caratterizzano uno degli skyline più mozzafiato del mondo intero. Luoghi iconici, questi, che entrano di diritto nelle travel wish list di ogni viaggiatore che si arricchiscono ogni anno di nuove e imperdibili attrazioni. The Beam è una di queste.

Inaugurata in cima al Top of the Rock che sorveglia la Grande Mela, The Beam non è solo una nuova attrazione destinata a diventare iconica, ma è un’esperienza vertiginosa ed emozionante uguale a nessun’altra. I visitatori, infatti, sono invitati a salire su una trave d’acciaio che si innalza fino a 800 metri d’altezza per restare lì, seduti e sospesi tra il cielo e la terra. Chi ha il coraggio di provarla?

Lunch Atop a Skyscraper: ricrea l’iconica foto del 1932

Si chiama The Beam e, come abbiamo anticipato, è la nuova e imperdibile esperienza offerta dalla città di New York. Attenzione però: è destinata solo ai cuori impavidi e ai più coraggiosi.

L’attrazione che sta spopolando sul web e sui social network è stata inaugurata sul Top of the Rock, l’osservatorio situato sulla cima del Rockefeller Center che, col suo design che richiama un transatlantico, offre una vista incredibile sull’intera città.

Proprio qui, dove lo skyline della Grande Mela dà spettacolo a ogni ora del giorno e della sera, i visitatori possono sedersi su una trave d’acciaio che li trasporta a 800 metri di altezza sopra New York e che ruota di 180 gradi per offrire una vista privilegiata ed esclusiva sull’intera città.

Tantissime le fotografie diffuse sui social e sul web da chi ha avuto il coraggio di sedersi su The Beam dalla sua inaugurazione, avvenuta nel mese di dicembre. Vi ricordano qualcosa? Probabilmente sì, perché questa nuova attrazione è legata in realtà a una vecchia istantanea del 1932: Lunch Atop a Skyscraper.

È stata proprio quella famosa fotografia, che ritraeva alcuni operai edili che pranzavano sopra una trave situata al 30esimo piano di Rockefeller Plaza, a ispirare la nascita di The Beam. Sedendosi qui, infatti, i visitatori del grattacielo possono ricreare la celebre foto Lunch Atop a Skyscraper.

Lunch Atop A Skyscraper

Fonte: Getty Images

Lunch Atop A Skyscraper: la nuova attrazione di New York ti consente di replicare questa iconica foto

The Beam, l’esperienza vertiginosa nel cuore di New York

Qualora aveste bisogno di un altro motivo per raggiungere New York quanto prima, The Beam ve ne offre uno. L’attrazione, infatti, si configura come un’attrazione unica al mondo che consente di avere una vista privilegiata sull’intera città.

Salendo al 69esimo piano del Rockefeller Center, potrete sedervi su una trave che imita per fattezze e dimensioni quella della foto Lunch Atop a Skyscraper. Una volta accomodati, sarete sollevati di altri 12 metri sopra il ponte di osservazione, per un’altezza complessiva di 800 metri. Sospesi tra cielo e terra, vi sarà scattata una foto ricordo di questa avventura mozzafiato.

Ma quanto costa diventare protagonisti dell’iconica istantanea degli anni ’30? L’accesso a The Beam è di 25 dollari e comprende sia la seduta sospesa che la fotografia in versione digitale.

The Beam, la nuova attrazione al Rockefeller Center

Fonte: TIMOTHY A. CLARY/AFP via Getty Images

The Beam, la nuova attrazione al Rockefeller Center
Categorie
luoghi misteriosi New York Nord America Notizie Viaggi

Ball drop: è tutto pronto per il Capodanno più magico del mondo

L’arrivo del nuovo anno a New York è un evento davvero affascinante. Non c’è nulla di paragonabile alla magia che avvolge Times Square quando l’orologio si avvicina alla mezzanotte del 31 dicembre, un’emozione che cattura l’attenzione di milioni di persone in tutto il mondo.

E tu sei pronto a salutare il 2023 e accogliere con entusiasmo il 2024? Sei pronto a farlo nel cuore della Grande Mela, in mezzo a migliaia di persone che condividono lo stesso senso di meraviglia?

Uno dei momenti più attesi e iconici è sicuramente il leggendario Ball Drop a Times Square. Nella calma della mezzanotte, una magnifica sfera luminosa inizia il suo percorso verso il basso, scendendo progressivamente lungo un’asta fino a raggiungere il suo punto più basso esattamente allo scoccare della mezzanotte. Il conto alla rovescia che precede questo momento è carico di tensione e aspettativa, e quando finalmente arriva il momento, un’onda di emozioni positive si diffonde tra la folla, dando il benvenuto al nuovo anno con un senso di ottimismo e speranza per il futuro.

Il cielo sopra Times Square si illumina di mille colori, È un momento di pura magia, un istante sospeso nel tempo che sembra durare un’eternità e che rimarrà impresso nel tuo cuore per sempre.

Il Ball Drop a New York: uno spettacolo di luci e colori

Times Square Ball drop

Fonte: iStock

Times Square Ball drop, New York

Ogni anno, mentre l’orologio si avvicina alla mezzanotte del 31 dicembre, gli occhi del mondo si rivolgono nuovamente alle luci scintillanti e all’energia effervescente di Times Square. Milioni di persone si radunano in questa iconica piazza per assistere al conto alla rovescia e alla discesa della sfera luminosa che segna l’inizio del nuovo anno.

Già nelle prime ore del pomeriggio, la piazza inizia a riempirsi. Famiglie, gruppi di amici, coppie e solitari, tutti in cerca del posto perfetto per assistere allo spettacolo. Dopo una certa ora, tutta la piazza viene completamente chiusa, e chi arriva troppo tardi rischia di perdere l’evento.

E per chi non riesce a raggiungere il palco, nessun problema: Times Square è dotata di molti maxischermi posizionati nei settori meno vicini, così da permettere di godersi lo show anche da altri punti della piazza

Qui, si radunano artisti di fama internazionale, pronti a regalare performance indimenticabili in attesa del conto alla rovescia finale. E quando la sfera luminosa inizia la sua discesa e i fuochi d’artificio illuminano il cielo notturno, non si può fare a meno di sentirsi parte di qualcosa di grande, di speciale e indimenticabile

Festeggiare il Capodanno 2024 a New York: un’esperienza unica

Ma non è solo Times Square ad animarsi durante la notte di Capodanno. Da Central Park al Grand Army Plaza a Brooklyn, passando per il Luna Park, ogni angolo della città offre qualcosa di unico. Puoi scegliere di partecipare a una corsa, di goderti un veglione esclusivo o di assistere ai fuochi d’artificio che illuminano il cielo notturno.

Tra le numerose opzioni per festeggiare, una delle più affascinanti è senza dubbio la festa al Rockefeller Park. Durante il Capodanno, però, il parco si anima e diventa teatro di un evento spettacolare. Qui, avvolto nel calore della comunità e nell’atmosfera festosa, potrai ammirare lo straordinario spettacolo pirotecnico che illumina Liberty Island e il New Jersey.

Ma New York è anche la città della musica e il Capodanno è l’occasione perfetta per scoprire i suoi ritmi. Se sei un amante del jazz, la città ti offre una vasta scelta. Il Blue Note, storico locale di Greenwich Village, è un vero e proprio tempio del jazz, dove potrai ascoltare i grandi maestri e le nuove promesse di questo genere musicale.

Broadway e Soho, invece, con i loro locali chic e alla moda, sono il luogo ideale per chi vuole immergersi nell’eleganza e nel glamour, mentre la East Side Manhattan, con i suoi ristoranti raffinati e i suoi locali esclusivi, offre un’atmosfera sofisticata e distinta.

E infine, per chi ama l’atmosfera dei club, District36 e Webster Hall sono due indirizzi da non perdere. Qui, tra luci psichedeliche e ritmi travolgenti, potrai ballare fino all’alba e dare il benvenuto al 2024 in pieno stile newyorkese.

Times Square Ball drop

Fonte: Getty Images

Times Square Ball drop, New York
Categorie
luoghi misteriosi mare New York Nord America Notizie Viaggi

Un mare di luci e colori sta illuminando New York: è magia

La città delle mille luci si veste di meraviglia e accoglie un’installazione sorprendente e che è destinata a regalare un’esperienza magica a tutti coloro che la visiteranno. Siamo a New York dove lo spettacolo è appena iniziato e resterà visibile per cittadini e turisti per diversi mesi.

A immaginarlo non si potrebbe riuscire a ricreare la magia che si vive se lo si guarda con i propri occhi. Si chiama Field of Light at Freedom Plaza ed è un mare di luci e di colori, che accompagnano i visitatori mentre percorrono un sentiero tortuoso: a fare da sfondo lo skyline della città, uno dei più celebri e amati al mondo.

Un’esperienza indimenticabile, che sembra essere frutto della magia, ma che è vera, reale, e nasce dalla mente creativa dell’artista Bruce Munro.

Il mare di luci che illumina New York: un sogno nella Grande Mela

New York è una città magica, piena di vita, di bellezza, di arte, cultura. Un luogo in cui è impossibile non sentirsi al centro del mondo, in cui si percepisce la sensazione che ogni cosa sia possibile. Anche quella di passeggiare in un’ambientazione che sembra uscita direttamente da un sogno ma che, invece, è frutto della mente geniale e creativa dell’artista Bruce Munro. Stiamo parlano di Field of Light at Freedom Plaza: un’installazione composta da oltre 17mila luci che brillano nel buio. Si tratta di sfere a stelo, realizzate in fibra ottica a bassa luminosità, che scintillano sulla piazza mentre i visitatori la percorrono attraverso un sentiero.

Magica ed eterea, l’installazione si inserisce in un’ambientazione impareggiabile, con lo skyline della città da una parte e il lungomare dell’East River a fare da sfondo.

L’installazione si trova nell’East Side di Manhattan e si estende su una superficie molto vasta, che va dalla 38a alla 41a strada a est della First Avenue.

Il risultato è indimenticabile e lascia letteralmente senza fiato. Come riporta il New York Post, l’artista ha spiegato che per lui questa opera: “Rappresenta l’immaginazione illimitata e la libertà di sognare. La mia speranza è che riscaldi i cuori e ispiri grandi e piccini a trarne spunto e a creare qualcosa di proprio da trasmettere agli altri”.

L’accesso è gratuito, ma è meglio prenotare il proprio biglietto; infatti, al momento i primi disponibili sono per il mese di marzo 2024, con l’apertura alle prenotazioni a partire da febbraio. L’installazione è stata realizzata da Bruce Munro e resa possibile dalla Fondazione Soloviev.

Tutto quello che c’è da sapere sull’installazione

Se avete in programma una vacanza a New York nei prossimi mesi, dunque, il consiglio è quello di inserire tra le tappe del viaggio anche Field of Light at Freedom Plaza: sarà senza dubbio uno scenario indimenticabile, con la sua atmosfera eterea a fiabesca di luci, che si vanno a sommare a quelle che già illuminano la città.

Il percorso da seguire è designato e non è possibile uscire dal sentiero o toccare le luci. Importante sapere che non c’è un tempo preciso di percorrenza, ma quello consigliato è di 30 minuti. Si può accedere dal giovedì al sabato, dalle 17 alle 21.

Categorie
Idee di Viaggio New York Nord America ristoranti Viaggi

Questo ristorante serve le patatine fritte più costose del mondo

Le patatine fritte più costose del mondo? Le ha pensate e realizzate un ristorante che si trova negli Stati Uniti e, più precisamente, a New York. Il costo è di 200 dollari motivati dagli ingredienti (decisamente preziosi) con cui vengono preparate.

Amate in tutto il mondo, le patatine sono un vero e proprio must sulle tavole e in ogni luogo si trovano in tante versioni diverse. In genere accessibili a tutti, ma non al Serendipity3 di New York, locale noto per i suoi Guinness World Record, tra cui quello del panino più costoso al mondo. Così come le patatine fritte, che si aggirano sui 200 dollari, ovvero al momento circa 183 euro.

Le patatine da Guinness? La ricetta del Serendipity3 di New York

Gli ingredienti che compongono il piatto sono straordinari e giustificano il prezzo, stiamo parlando delle patatine fritte del Serendipity3 di New York che si sono aggiudicate il Guinness World Record. Il nome del piatto è significativo: Crème de la crème des pommes frittes ed è realizzato utilizzando il meglio. Pensate dagli chef Joe Calderone e Fredrick Schoen-Kiewert, sono state realizzate per offrire un piatto unico. E così hanno trasformato lo street food per eccellenza in un manicaretto da record.

Ingrediente base sono le patate Clipperback. Queste innanzitutto devono essere prima sbollentate, ma non in acqua qualsiasi, bensì nello champagne Dom Perignon e nell’aceto di Champagne-Ardenne Le Blanc. Passaggio successivo è la frittura: che non si pensi, però, all’olio, infatti questo passaggio viene effettuato utilizzando puro grasso d’oca.

Le patatine vengono infine cosparse con olio alimentare e condite con sale e olio al tartufo. Ultimo passaggio: quando vengono impiattate (rigorosamente servite su un piatto di cristallo), vengono accompagnate con scaglie di tartufo e salsa al formaggio.

Questa ricetta ha ottenuto il Guinness dei primati nel 2021 e, all’epoca, c’era una lista d’attesa molto lunga per poterla gustare. Come riportava la CNN, infatti, era di circa dieci settimane.

Gli altri piatti da record nel locale di New York

Non solo patatine: al Serendipity3 di New York sono stati realizzati altri piatti da record, per questo – se si programma una vacanza nella Grande Mela – vale la pena inserirlo tra le tappe. Oltre ai piatti tradizionali e a costi più accessibili, si trovano anche quelli che hanno ottenuto il Guinness World Record.

Come un semplice panino al formaggio servito alla “modica cifra” di 214 dollari, circa 195 euro. La ricetta è stata riproposta per un tempo limitato ad aprile 2023 in occasione della giornata nazionale del formaggio alla griglia. Anche in questo caso la preparazione prevede l’uso di ingredienti extra lusso e di altissima qualità.

Come spiega un post Instagram del locale il The Quintessential Grilled Cheese Sandwich è composto da: “Pane francese Pullman Champagne fatto con Dom Perignon Champagne e scaglie d’oro commestibili 23k, imburrato con burro al tartufo bianco alimentato a erba”. Al suo interno, poi, una farcitura davvero speciale realizzata con il formaggio Caciocavallo Podolico: “Prodotto in Sud Italia dal latte della mucca Podolica, che pascola all’aperto, nutrendosi di erbe fortemente aromatiche come finocchietto, liquirizia, ginepro, alloro e fragole selvatiche, infondendo al latte questi dolci profumi aromatici. Ci sono solo circa 25.000 di queste vacche speciali e producono latte solo durante maggio e giugno, rendendo questo formaggio uno dei più pregiati e rari al mondo”.

Nel menu visibile sul sito ufficiale del locale risultano ordinabili (ma in anticipo) i piatti del Guinness World Record: Golden Opulence Sundae (un dolce gelato davvero speciale), l’hamburger Le Burger Extravagant, il panino Quintessential Grilled Cheese Sandwich, Foot Long Haute Dog, Luxe Milkshake e le patatine fritte più costose al mondo.

Categorie
Europa lusso New York Nord America Regno Unito Viaggi viaggiare

Il lusso di un viaggio da sogno a New York

Scoprire New York City visitando i luoghi più cool e gli indirizzi più esclusivi è una delle esperienze più memorabili che si possano fare. Hotel a cinque stelle, ristoranti stellati, club esclusivi e rooftop panoramici da cui godere della vista più bella del mondo.

In città sono tantissimi i posti da vivere come veri newyorchesi. Ne abbiamo selezionati alcuni imperdibili per ogni momento della giornata, dal brunch domenicale agli apertivi con vista sui grattacieli di Manhattan, dai pranzi stellati alle serate nei club più esclusivi. Ecco dove andare.

New York: da mattina a sera, nei luoghi più cool

Un brunch a New York

Se vi capita di essere a New York nel weekend, il migliore brunch lo si può fare a The Lambs Club, a due passi da Times Square e dai teatri di Broadway, un locale old style che, quando nacque agli inizi del 1900 nello stesso edificio in stile Georgiano (oggi uno dei siti storici di New York), era un club privato fondato da un gruppo di attori e frequentato da gente di Broadway, dove provare ancora oggi i classici americani: hamburger, uova alla Benedict, Caesar Salad e avocado toast.

nyc-Times-Square

Fonte: @Walter Wlodarczyk/NYC & Company

La famosa Times Square a Manhattan

Sedersi sui divanetti di velluto rosso di questo ristorante circondati dai ritratti di tutte le star che lo hanno frequentato è come fare un salto indietro nel tempo. La combinazione perfetta è assistere a uno dei tantissimi show di Broadway, anche pomeridiani, e poi visitare il nuovissimo Museum of Broadway dove sono esposti i costumi e i memorabilia dei più famosi spettacoli, dal mitico Cats a Phantom of the Opera (l’opera di maggior successo in assoluto nella storia dello spettacolo), da Chicago al più recente The Lion King.

Dove andare a pranzo a New York

Per pranzo o cena, l’indirizzo top è il ristorante Cut curato dallo chef Wolfgang Puck del nuovissimo Four Seasons a Downtown Manhattan, a due passi da Ground Zero e dal Memoriale dell’11 settembre, dove provare una delle migliori New York sirloin a base di carne Wagyu della città e dove, forse, incontrare una delle tante celebrity che lo frequentano abitualmente. Chi, poi, ha la fortuna di soggiornare in questo splendido hotel, dalla propria suite con terrazzo può godere di una splendida vista su una delle zone più vibranti del momento. Non a caso si chiamano Oculus Suite (dal nome dell’iconico edificio sorto nel luogo del World Trade Center), Empire Suite, Liberty Suite, Tribeca Suite, proprio per ciò che si può ammirare direttamente dalla camera.

Questa zona è in assoluto na delle più visitate della città per via delle fontane e del Memoriale dell’11 settembre e ora anche del nuovo edificio che ospita il PAC NYC, Performing Arts Center, l’ultimo nato dalla ricostruzione di Ground Zero, un cubo che misura 49×49 metri rivestito di lastre di marmo che, si sera si illumina di un meraviglioso color ambra, impossibile non notarlo.

new-york-Performing-Arts-Center

Fonte: @Iwan Baan

Il nuovo Performing Arts Center a Ground Zero

Una delle più belle e iconiche viste di New York è quella che si può godere dalla gigantesca vetrata panoramica su Central Park e sul nuovo skyline di Manhattan, con i più recenti e sottilissimi grattacieli (come il 111 West 57th, il più sottile al mondo, la Central Park Tower e la 53W53 progettata da Jean Nouvel) dal ristorante MO Lounge del Mandarin Oriental New York a Columbus Circle. Famoso, qui, è l’Afternoon Tea (a partire da mezzogiorno) con dolci signature assolutamente da non perdere.

Una passeggiata per Central Park non deve mai mancare, per respirare appieno l’atmosfera newyorchese osservato la gente che corre, passeggia, con cani, figli o nonni, che legge un libro nel prato o ascolta un sassofonista che improvvisa un brano. Merita una tappa la nuova ala dell’American Museum of Natural History, il Gilder Center, dall’architettura che ricorda lo stile Gaudí. Perfetto se si viaggia con i bambini, ma meraviglioso anche per gli adulti per il vivaio delle farfalle, la sala dei dinosauri e quella della balena blu, il più grande esemplare esistente al mondo.

new-york-central-park-autunno

Fonte: @Marley White/NYC & Company

Vista su Central Park dal Mandarin Oriental

Aperitivo con vista su Manhattan

All’ora dell’aperitivo, invece, da provare è il wine bar della lounge, molto raccolta, del nuovo boutique Hotel AKA NoMad by Piero Lissoni sulla Madison Avenue. Qui, il barman propone una degustazione di vini – o di cocktail, a seconda dei gusti – accompagnata da taglieri dei migliori salumi e formaggi. La posizione in cui si trova è strategica, specie se si trascorre il pomeriggio nelle vie dello shopping (tappa obbligata, Tiffany & Co., per rifarsi gli occhi o fare colazione, proprio come nel film, nel bar al quarto piano del palazzo con le finestre color Tiffany).

Chi ha la fortuna di soggiornare in questo lussuoso hotel, può godere di camere con terrazza panoramica con vista sull’Empire State Building e su una delle strade più famose di Manhattan. È l’indirizzo più consigliato dopo aver visitato forse l’attrazione numero uno degli ultimi anni: il SUMMIT One Vanderbilt, tra i piani 57 e 59 del grattacielo inaugurato nel 2020 sopra la Grand Central Station. Si tratta del punto panoramico più alto del centro di New York e luogo ideale da cui contemplare l’imponente skyline di Manhattan.

Summit One Vanderbilt Observation

Fonte: iStock

Il Summit One Vanderbilt a New York

Se si cerca la vista, l’aperitivo migliore è quello che si fa sul rooftop del nuovo The Gansevoort Meatpacking, un art hotel modernissimo, che espone meravigliose opere d’arte di Banksy, Andy Warhol e altri, con enormi loft dove soggiornare, a due passi da Chelsea Market e da West Village, da cui si gode di un bellissimo scorcio sull’Hudson River. L’ultimo piano dell’hotel ospita un bar che è come un giardino d’inverno, completamente all’interno di uno spazio circondato da vetrate, tetto compreso. La terrazza si estende anche all’esterno, per godere ancora meglio della vista, magari dopo un tuffo in piscina.

Cenare a New York

La sera si può cenare a lume di candela alla Locanda Verde, il ristorante Italian style del Greenwich Hotel a Tribeca, il quartiere degli attori americani. Questa taverna, nominata da Esquire Magazine come migliore nuovo ristorante in città, in stile tipico newyorchese, con pareti di mattoni rossi, librerie piene zeppe di volumi e di oggetti di design, farà sentire gli italiani come a casa. È un luogo rustico-chic dove mangiare la migliore pasta fatta in casa di tutta la città.

Fare serata a New York

Dopo cena, non c’è altro luogo a New York dove concludere al meglio la giornata se non a The Jazz Club dell’hotel Aman, il tempio della musica newyorchese, fatta di un mix di culture come solo qui si trovano, uno speakeasy a Midtown Manhattan dove assistere a una live session, bere i migliori cocktail preparati dai bartender esperti in mixology. Il più costoso, da 250 dollari, è a base di Scotch delle Highland invecchiato 35 anni, Bourbon 10 anni e oro, accompagnati da finger food di altissimo livello, a base di caviale e, anche qui, decorati con foglie d’oro.

La prossima volta che andate a New York, non mancate di provare almeno una di queste incredibili esperienze di lusso, che sono in questa città potrete fare.

nyc-jazz-club

Fonte: @IIaria Santi/SiViaggia

The Jazz Club a New York
Categorie
litorali mare New York Nord America Notizie Viaggi

Anche New York, adesso, ha la sua spiaggia

Quando si pensa a New York, i grattacieli imponenti, le luci scintillanti di Times Square e l’incessante frenesia di Manhattan sono le prime immagini che balzano alla mente. Difficilmente si associa la Grande Mela a un’oasi di sabbia bianca e acque cristalline. Eppure, la città dalle mille luci, è sempre pronta a stupirci.

Recentemente, infatti, ha aggiunto al suo skyline una nuova e sorprendente attrazione: la Gansevoort Peninsula. Quest’area di oltre due ettari, affacciata direttamente sul fiume Hudson, rappresenta una novità assoluta per Manhattan, essendo la prima spiaggia pubblica della metropoli.

La Gansevoort Peninsula non è soltanto un luogo di svago, ma anche un esempio tangibile dell’impegno nel riqualificare lo spazio urbano e creare aree verdi accessibili a tutti. Un progetto che armonizza in modo perfetto elementi naturali e architettonici, che offre ai cittadini un luogo in cui rilassarsi e ammirare la bellezza del paesaggio fluviale, regalando una nuova prospettiva sulla città che non dorme mai.

Gansevoort Peninsula: l’oasi urbana di Manhattan

Gansevoort Peninsula Manhattan

Fonte: Getty Images

Gansevoort Peninsula, Manhattan, New York

Nascosta nel cuore del sud-ovest di Manhattan e accarezzata dalle onde del fiume Hudson, questa affascinante area verde urbana si è rapidamente conquistata un posto d’onore nella lista delle attrazioni della città. Con la sua vista mozzafiato sulla Statua della Libertà e sui grattacieli di New York, ogni dettaglio sembra disegnato per incantare lo sguardo, offrendo un rifugio perfetto per lasciarsi alle spalle lo stress della vita quotidiana e immergersi in un’esperienza unica ed emozionante.

A pochi passi dal celebre Whitney Museum, è un vero paradiso per gli amanti del fitness e del relax. Qui sono disponibili attrezzature all’avanguardia per allenarsi e un parco per cani dove i nostri amici a quattro zampe possono correre, giocare e divertirsi senza vincoli. Nonostante ci sia il divieto di balneazione per motivi di sicurezza, è possibile esplorare le acque circostanti con un kayak, scoprendo un volto inusuale di Manhattan.

La Gansevoort Peninsula è un autentico tesoro urbano che permette di connettersi con questa città tanto amata in modo davvero unico e diverso.

Una soluzione per contrastare l’innalzamento delle acque

Il progetto per il nuovo lungomare di Manhattan, inclusa la spiaggia artificiale della Gansevoort Peninsula, è stato guidato dal rinomato studio Field Operations. Questo ambizioso piano urbanistico non solo offre un nuovo spazio ricreativo per i residenti e i visitatori, ma è stato anche concepito come un importante dispositivo di resilienza contro l’innalzamento del livello delle acque.

La progettazione del parco, infatti, ha tenuto conto dei cambiamenti climatici attuali e futuri, con l’obiettivo di creare un ambiente naturale sostenibile.

La Gansevoort Peninsula rappresenta un’importante iniziativa voluta per trasformare aree industriali precedentemente abbandonate in vivaci parchi pubblici e aree di conservazione ecologica, contribuendo alla tutela dell’ambiente e all’arricchimento della vita comunitaria.

Questo terreno, un tempo inutilizzato e inospitale, è stato trasformato in un ampio spazio pubblico di 5,5 acri, dimostrando come sia possibile ridare vita a vecchie aree industriali attraverso un progetto studiato attentamente. Inoltre, sono state introdotte importanti migliorie alla costa. Tra queste, la creazione di una palude salata e un habitat per le ostriche che contribuiscono alla biodiversità della zona e fornscono un prezioso ecosistema per la fauna locale.

Gansevoort Peninsula

Fonte: Getty Images

Gansevoort Peninsula, Manhattan, New York
Categorie
crociere lusso New York Nord America Notizie Viaggi

È appena stata battezzata una meravigliosa nave di lusso

Il 13 ottobre 2023, a New York City, è stata battezzata ufficialmente Explora I, la prima delle sei navi di lusso di Explora Journeys, il brand di viaggi di lusso del Gruppo MSC.

La naming ceremony (cerimonia di battesimo) si è tenuta presso il Manhattan Cruise Terminal dove la madrina Syvia Earle, famosa biologa marina e oceanografa, tagliando il nastro, ha fatto infrangere la bottiglia di champagne sulla fiancata della nave, la tradizionale cerimonia porta fortuna con la quale si dà il nome alla nave.

Explora I e le sue sorelle, meravigliose navi extra lusso

Explora I, la prima della nascente flotta di Explora Journeys, dispone di 461 suite, attici e residenze affacciate sull’oceano, sei ristoranti, 12 bar e saloni interni ed esterni, quattro piscine, ampi ponti esterni con cabanas private e quasi 1.000 metri quadrati di strutture per il benessere e il fitness.

La meravigliosa nave trascorrerà l’autunno in Nord America, l’inverno ai Caraibi e la primavera sulla costa occidentale degli Stati Uniti e alle Hawaii, prima di tornare in Europa nell’estate del 2024 per una serie di crociere nel Mediterraneo, con molti itinerari che includono anche porti meno noti per consentire agli ospiti di godere di una prospettiva differente.

Per quanto riguarda le navi “sorelle”, Explora II sarà operativa dall’estate 2024 fino ad aprile 2025 nel Mediterraneo e in Medio Oriente, mentre Explora III ed Explora IV (entrambe alimentate a GNL) entreranno in servizio rispettivamente nel 2026 e nel 2027.
Explora V ed Explora VI saranno operative l’una nel 2027 e l’altra nel 2028 ed entrambe avranno misure di efficienza energetica all’avanguardia, saranno in grado di utilizzare combustibili alternativi come il biogas e il gas sintetico, e impiegheranno l’idrogeno liquido con celle a combustibile per le operazioni alberghiere durante l’attracco nei porti, per eliminare le emissioni di carbonio a motori spenti.

Tutte le componenti della nuova lussuosa flotta saranno equipaggiate con le più recenti tecnologie ambientali e marine, tra cui la tecnologia di riduzione catalitica selettiva, la connettività plug-in con l’alimentazione da terra, i sistemi di gestione del rumore subacqueo per aiutare a proteggere la vita marina e una gamma completa di apparecchiature di bordo ad alta efficienza energetica per ottimizzare l’uso del motore e ridurre ancora di più le emissioni.

Le opinioni dei protagonisti

Sono parole di soddisfazione quelle pronunciate dai protagonisti della cerimonia di battesimo di Explora I.

Pierfrancesco Vago, Executive Chairman della Divisione Crociere del Gruppo MSC, ha dichiarato: “Con EXPLORA I, novità assoluta nel panorama dei viaggi lusso, stiamo ridefinendo l’essenza stessa dei viaggi di lusso per mare. Un’offerta destinata a viaggiatori più esigenti che hanno sperimentato i migliori resort di lusso sulla terraferma, ma che cercano più valore, più autenticità e una connessione più profonda con il mondo. Explora Journeys è la risposta alle loro richieste, grazie alla possibilità di scoprire destinazioni che stanno al di fuori dei percorsi già noti, il tutto godendo di un ambiente unico ed esclusivo. Con l’arrivo di altre cinque navi che si aggiungeranno alla flotta nei prossimi cinque anni, ci impegniamo a offrire la stessa esperienza unica a bordo, in tutte le parti del mondo“.

Michael Ungerer, CEO di Explora Journeys, ha sottolineato: “L’evento di oggi rappresenta una pietra miliare per Explora Journeys: con EXPLORA I rendiamo concreta la nostra visione di rimodellare i viaggi di lusso. Siamo orgogliosi di introdurre una nuova era di scoperte e viaggi di lusso e di presentare la nostra prima nave nella città di New York“.

Infine, la madrina Sylvia Earle, fondatrice e presidente di Mission Blue, ha aggiunto: “Sono onorata di essere la madrina di EXPLORA I e sono ansiosa di instaurare un rapporto significativo tra Mission Blue, Explora Journeys e la Fondazione MSC per dare un contributo molto positivo alla protezione e al ripristino dei mari e degli oceani del mondo“.

Categorie
Europa New York Nord America Notizie Regno Unito vacanze Viaggi viaggiare

Perché è il momento di pensare a un viaggio a New York

C’è solo una cosa che può consolare dal fatto di essere dovuti rientrare dalle vacanze: il pensiero di un viaggio a New York.

Immaginare una passeggiata in Central Park con i colori del foliage autunnale o di andare a zonzo su e giù per le infinite Avenue di Manhattan oppure di godersi un cocktail (ancora) all’aperto su un rooftop al tramonto con vista sulla selva di grattacieli (dall’ultima volta che ci siete stati ce ne sono sicuramente di nuovi) o ancora di attraversare il Brooklyn Bridge col vento tra i capelli oppure di imbarcarsi su una mini crociera sull’Hudson ammirando la città in tutta la sua bellezza: queste immagini, e molte altre che possono venire in mente quando si pensa a questa splendida metropoli, risolleva decisamente il morale.

I mille modi di visitare New York

Mille è solo un modo di dire, in realtà sono molti di più i modi per visitare New York City. Ed è il motivo epr cui non ci si stanca mai di andare in questa città che non stanca mai. Oltra ai classici tour turistici e alle visite delle principali attrazioni, a New York si possono visitare i singoli borough, i distretti. Oltre a Manhattan, dove si concentra la maggior parte dei turisti, ci sono Brooklyn, il Queens, il Bronx e Staten Island. Ciascuno ha le sue particolarità, tutte da scoprire.

A loro volta, i distretti hanno itinerari specifici, ideali per famiglie, LGBTQ+, accessibili a persone con ridotte capacità motorie. E poi ci sono i luoghi che raccontano le tante comunità che vivono in città, quella latina, la black o l’orientale.

Ci sono poi tour dedicati alla storia di New York, dalla nascita di New Amsterdam – il primo nome della città nel XVII secolo – alla Guerra d’indipendenza, dalla gloriosa Gilded Age di fine ‘800 di cui restano alcuni edifici agli anni del proibizionismo, dall’epoca dei primi grattacieli all’11 settembre fino ai giorni nostri.

Non mancano i tour culturali, tra musei e case d’artista, musicali, per ogni genere possibile e immaginabile compresi i tantissimi musical, gastronomici – ce ne sono un’infinità, di grande tendenza sono i cocktail city tour -, quelli sportivi, i tour dei grattacieli, quelli dei rooftop (all’aperto o al chiuso) e dei punti più panoramici, e tra gli ultimi anche quelli delle spa più belle oltre agli itinerari dello shopping.

In ogni angolo di New York è stato girato un film o una serie Tv. Sono migliaia ogni anno le produzioni che la scelgono come location ed esiste un’infinità di tour dedicata a questo tema, generici o specifici sui singoli film o serie (tra i più seguiti, quelli sui luoghi di “Sex and the City“).

Inoltre, si può scegliere tra itinerari a piedi, in bicicletta o con il monopattino, ma anche in metro, anche solo per vedere le fermate più iconiche di New York.

L’offerta da sogno per volare a New York

Per chi desidera trattarsi bene, c’è un’offerta da prendere al volo. la compagnia aerea francese La Compagnie, che ha solo posti di Business Class, ha lanciato la tariffa speciale “Le Vacanze Must Go On”. Il biglietto aereo costa 120 euro andata e ritorno. La promozione è valida per chi prenota entro il 31 agosto per volare a partire da ottobre e fono a marzo 2024.

Si viaggia a bordo di un Airbus A321neo con cabina configurata con soli 76 posti, tutti Business. Ogni passeggero ha uno spazio più ampio e la possibilità di dormire comodamente a bordo, grazie ai sedili reclinabili in letti perfettamente orizzontali, può usufruire del wi-fi gratuito e illimitato a bordo e scegliere il pasto da un menu gourmet.

Viaggiare con questa compagnia, che agli ultimi World’s Best Awards 2023 ha vinto il premio come Migliore compagnia aerea internazionale, significa anche avere accesso alla lounge dell’aeroporto, al fast track per il controllo alla dogana e a poter imbarcare due bagagli da stiva da 32 chili ciascuno.