Categorie
abbazie Croazia Europa Fiume Idee di Viaggio Istria turismo religioso Viaggi

La regione del Kvarner: il gioiello nascosto della Croazia

Regione del Kvarner: tra mare cristallino e montagne

Ci troviamo nel territorio del Quarnero (o Quarnaro), dal nome croato Kvarner. Un luogo affascinante disteso tra l’Istria e le tranquille isole Quarnerine di Cherso e Lussino. La regione comprende anche Fiume, con il suo vivace panorama cittadino e un patrimonio storico e culturale tutto da esplorare, collegandosi anche con la splendida Riviera di Abbazia (Opatija riviera). Proprio qui si possono ancora ammirare le splendide ville antiche spesso trasformate in hotel di lusso, i parchi ben curati e il romantico lungomare in cui passeggiare al chiaro di luna.

Ce n’è per tutti i gusti: puoi rinfrescarti nelle tranquille foreste del Montanaro oppure rilassarti sotto il sole, lungo le dorate spiagge della Riviera di Cirquenizza: il Kvarner è uno scrigno di esperienze che aspetta solo di essere esplorato.

Fonte: Luca Tabako -TB Kvarner

Kvarner

Le spiagge incontaminate del Kvarner: un paradiso marino

Per coloro che cercano il massimo relax il Quarnero custodisce i luoghi perfetti in cui godersi la natura e immergersi delle sue acque cristalline: le isole di Lošinj (Lussino), Cres (Cherso) e Krk (Veglia) incantano con le loro spiagge incontaminate e i paesaggi verdi lussureggianti che le abbracciano.

Tra le spiagge più suggestive troviamo: San Biagio (Sv. Blaž), Piccolo bok (Mali bok), Grotte azzurre (Plave Grote) e Lubenizze, nell’isola di Cherso, oppure le spiagge di Cikat, Kadin e Veli Zal nell’isola di Lussino. A Veglia (Krk), che rientra anche nel territorio di Quarnerolo (più a est), si possono ammirare le spiagge di Vela Luka e Vela plaža o la Spiaggia dorata (Punat/Stara Baška).

Queste isole croate offrono lo sfondo perfetto per una vacanza rigenerante. Che tu voglia rilassarti in un lussuoso resort con vista sull’Adriatico o che tu sia intenzionato a esplorare calette nascoste e baie isolate, le isole del territorio del Quarnero promettono serenità e tranquillità ad ogni angolo.

Fonte: Luka Tabako

Località balneare di Baska

Immergiti nei sapori del Kvarner: un viaggio gastronomico speciale

Il viaggio tra le bellezze del Kvarner non può non comprendere anche la scoperta del suo ricco patrimonio culinario.

La città di Fiume e i suoi dintorni sono vivaci località anche dal punto di vista culinario. Qui puoi assaggiare prelibatezze a base di pesce fresco e gustosi piatti tradizionali che portano con sé le influenze dei sapori mediterranei e centro-europei dei secoli passati.

Nella riviera che ospita la città di Abbazia (Opatija), eleganti resort mostrano le offerte gastronomiche della regione, con ristoranti lussuosi che promettono di vivere esperienze legate all’alta cucina.

Assicurati di provare le squisite specialità del Kvarner, come la pasta šurlice con salsa di agnello o l’iconico gambero del Kvarner, un ottimo esempio della maestria culinaria della regione.

Fonte: TB Opatija

Gambero del Kvarner – Opatija

Mentre il sole estivo tramonta sulle paradisiache spiagge del Kvarner, non potrai che raccogliere i ricordi indelebili di una vacanza immersa in paesaggi mozzafiato e alla scoperta della vibrante cultura croata..

Che tu abbia trascorso le tue giornate sdraiato su spiagge dorate baciate dal sole, esplorando città storiche o gustando la deliziosa cucina locale, una cosa è certa: il Quarnero lascia un’impressione memorabile su tutti coloro che visitano questo territorio unico. Allora, perché aspettare? Inizia a pianificare la tua vacanza da sogno al Kvarner e scopri la bellezza e il fascino del  gioiello nascosto della Croazia.

 

 

Categorie
Croazia Dalmazia Europa Idee di Viaggio vacanza natura vacanze Viaggi

Sei motivi per visitare la regione di Zara, la perla della Croazia

Stai pensando alla vacanza estiva perfetta, ma sei ancora incerto su dove trascorrerla? Lasciati ispirare da un viaggio indimenticabile nella regione di Zara. Ci troviamo in Croazia, in un territorio ricco di luoghi incontaminati immersi nella natura, isole paradisiache, città vibranti e villaggi che raccontano una storia fatta di tradizioni culturali tramandate da numerose generazioni.

Ecco i sei motivi per i quali dovresti visitare Zara, una regione perfetta per ogni esigenza, dal relax alle avventure adrenaliniche, fino alla vivacità culturale e le specialità enogastronomiche.

I tramonti più emozionanti sulla città di Zara

Inizia la tua giornata nella città di Zara esplorando il suggestivo mercato agricolo, ricco di prodotti freschi e genuini. Puoi proseguire con una passeggiata rilassante per la via principale del centro cittadino, la strada lungo la quale si svolge la vita autentica degli zaratini, ossia la cosiddetta Kalelarga: conosciuta anche come Via Magna, Strada Grande o Ruga Magistra, in realtà la via si chiama Široka ulica. Vi si affacciano la splendida Chiesa di San Donato, il Foro Romano adiacente, la Cattedrale di Sant’Anastasia e molteplici musei.

Tra una visita e l’altra, puoi goderti una pausa rigenerante prendendo un caffè nei bar e nei locali che spiccano tra le vie. Passeggiando per Zara, puoi ammirare le antiche mura difensive della città, risalenti al XII e XIII secolo, chiamate Muraj e facenti parte della Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

Infine, avrai l’opportunità di meravigliarti con il suono riprodotto dalle onde tramite l’Organo marino, un’opera di architettura molto particolare costituita da una scalinata in pietra che digrada nel mare, al cui interno ci sono vere e proprie canne di organo che vengono azionate dal movimento delle onde: il risultato è una melodia continua e sempre diversa prodotta dall’acqua, un incanto per le orecchie di chi di vuol rilassare corpo e mente ammirando l’incredibile potenza della natura unita al genio umano, accompagnati da uno spettacolare tramonto in riva al mare.

Poco distante dalla scalinata dell’Organo del mare, si trova un’altra opera suggestiva: il cosiddetto Saluto al Sole, una piattaforma composta da pannelli solari che di notte si azionano, dando vita a uno spettacolo di luci dai mille colori.

E dopo una giornata alla scoperta delle bellezze cittadine di Zara, ricaricati con i piatti della tradizione, sorseggiando gli squisiti vini locali e senza dimenticare di provare il tipico liquore Maraschino.

Il sapore inconfondibile del formaggio di Pag

Conosciuta come l’Isola della Luna per il suo particolare paesaggio roccioso e arido, Pag merita una visita non solo per le sue spiagge meravigliose e i luoghi storici che ne raccontano il passato. Qui è consigliato assaggiare il formaggio prodotto sull’isola, il paški sir, dal sapore unico e inconfondibile, oppure i dolcetti tradizionali, come il baškotin.

A Pag, tra assaggi di prelibatezze e visite ai luoghi simbolici, come la Chiesa di Santa Maria e il Palazzo del Principe, puoi percorrere i sentieri che la attraversano, in bicicletta o a piedi, per esplorare il Sentiero del cosiddetto Triangolo di Pag: un triangolo isoscele di roccia, tracciato sul terreno e visibile anche dall’alto, risalente a migliaia di anni fa e oggetto di leggende misteriose sugli extraterrestri.

E dopo l’escursione, alla fine della giornata, rinfrescati nelle baie e sulle spiagge mozzafiato di Kolan (Colane) e Povljana (Pogliana). Un altro suggerimento? Acquista i tradizionali merletti di Pag come souvenir, una testimonianza ancora viva della tradizione produttiva dell’isola. Proprio nel centro di Pag, nella piazza di Petar Krešimir IV, è possibile visitare anche la Galleria del merletto.

Le esperienze adrenaliniche nella Riviera di Starigrad

Un terzo motivo per visitare la regione di Zara? Respirare profondamente l’aria fresca dalle vette più alte del Velebit, la più estesa catena montuosa della Croazia (che compone le Alpi Bebie): Vaganski Vrh o Sveto brdo. I sentieri escursionistici, in quest’area, raggiungono 150 chilometri di lunghezza e, per i più avventurieri e allenati, c’è anche la possibilità di arrampicarsi sulla roccia per esplorare i suggestivi canyon di Velika e di Mala Paklenica.

Non ami particolarmente le altezze? Nessun problema. Basta scendere lungo i pendii e raggiungere lo spettacolare insieme di grotte del Velebit: le Grotte di Cerovac, Modrič e altre aspettano solo di essere esplorate.

Ma, un altro spettacolo è offerto anche dal canyon del fiume Zermagna (in croato Zrmanja). La natura incontaminata del paesaggio, unita all’acqua color smeraldo, rende le avventure in kayak e le attività adrenaliniche in rafting ancor più suggestive e indimenticabili. Si scoprirà anche perché il fiume Zrmanja viene comunemente chiamato “la Bella e la Bestia”: passa da zone con forti correnti e rapide, ideali per il rafting, a un canyon più tranquillo e profondo in cui cimentarsi con il kayak. Una natura mutevole che cambia anche in base alle stagioni.

Dopo circa 70 chilometri di corso, il fiume Zermagna si getta nell’Adriatico, ossia nel mare di Novigrad. Qui potrai rilassarti sulle spiagge paradisiache lungo la costa e gustare alcune prelibatezze tipiche della cucina locale, come le cozze e l’agnello di Novigrad.

Vista panoramica dal Parco Nazionale Paklenica, sulla cima Sveto brdo, in Croazia

Fonte: Ivan Čorić

Parco Nazionale Paklenica, cima di Sveto brdo

Il romanticismo di Nona

Ed ecco il quarto motivo per visitare Zara e la sua splendida regione: la città di Nona. Credici quando diciamo che ti innamorerai di questo territorio intriso di romanticismo, con i suoi molteplici punti panoramici dove sono state installate le “soste bacio” o panchine per scoccare un dolce bacio alla persona amata.

Non limitarti a sdraiarti sulle spiagge di sabbia dorata, ma approfitta della Riviera di Nona per provare a cimentarti negli sport d’acqua come windsurf, kitesurf, paddle boarding, oppure provare il divertente banana boat, i pedalò o il jet ski. Una moltitudine di attività all’insegna dell’avventura.

Visita anche le saline e il Museo del Sale e scopri tutto sulla storia e sulla produzione del sale in questa regione. Un suggerimento? Prova ad assaggiare lo squisito cioccolato con il sale.

La semplicità della vita sull’isola

Il quinto motivo per organizzare il prossimo viaggio a Zara è la semplicità della vita sulle isole. È difficile scegliere quale delle 300 isole dell’arcipelago di Zara visitare, ma ti consigliamo vivamente di passare dall’isola di Ugljan per provare l’oro liquido della regione, ossia l’olio d’oliva, insieme al miglior prodotto dell’isola, il pesce.

Da Ugljan puoi attraversare il ponte che conduce all’isola vicina di Pašman: qui puoi tornare indietro nel tempo, vivendo l’autenticità della vita sulle isole adriatiche.

Ma non è tutto. Non perderti anche la visita alle isole Molat (Melada), Iž (Eso), Zverinac, Premuda e Silba, dove ogni passo è una combinazione di avventura e vita autentica croata. Ecco il nostro ultimo suggerimento: non dimenticare di esplorare Dugi Otok (in italiano l’Isola Lunga) che custodisce splendide spiagge, tra le quali quella di Veli Rat, e il Parco Naturale di Telašćica, con lo spettacolare specchio d’acqua del Lago Mir.

L'incantevole spiaggia di Veli Rat nell'Isola Lunga, Croazia

Fonte: Aleksandar Gospić

Veli Rat sull’Isola Lunga, nella regione di Zara

La brezza tra i capelli e le onde del mare

Ed ecco il sesto motivo per visitare la regione di Zara: le attività sul mare e il divertimento assicurato sulla Riviera di Biograd (in italiano Zaravecchia). L’avventura può iniziare a Biograd na Moru, la principale destinazione per chi ama le avventure in mare: affitta una barca o uno yacht ed esplora le isole circostanti come Vergada, Žižanj o la splendida Galešnjak, la celebre isola a forma di cuore.

Riviera di Biograd, dalla Marina Kornati a Biograd na MoruRiviera di Biograd (Zaravecchia), Croazia

Se sei amante del mare, inoltre, quest’area offre numerose immersioni subacquee alla scoperta dell’incantevole mondo che prende vita sott’acqua.

Le spiagge della Riviera di Biograd sono collegate da un sentiero pedonale che parte da Pakoštane e arriva fino al grazioso villaggio di Sveti Filip e Jakov (Santi Filippo e Giacomo). Avrai l’occasione di esplorare le bellezze del luogo muovendoti a piedi o in bicicletta.

Se sei stanco delle avventure in mare, dirigiti verso Dalmaland, un parco divertimenti per tutta la famiglia, in cui dare libero sfogo al divertimento.

Categorie
Croazia Dalmazia Europa Idee di Viaggio itinerari culturali turismo enogastronomico Viaggi viaggiare

Alla scoperta della regione di Zara: un’avventura di 5 giorni in Croazia

Scopri la sorprendente bellezza della regione di Zara, in Croazia, estesa lungo l’incantevole costa affacciata al Mar Adriatico. Qui, i viaggiatori più esigenti possono immergersi in paesaggi diversificati e in ricche esperienze culturali, partecipare a emozionanti attività all’aperto, assaporare la deliziosa gastronomia e rilassarsi su invitanti spiagge paradisiache accompagnate da un mare cristallino. Il perfetto connubio tra natura, cultura, avventura, gastronomia e relax.

Lasciati guidare attraverso un itinerario indimenticabile di 5 giorni, suddiviso in base alle diverse attività ed esperienze che si possono vivere in questa destinazione idilliaca tutta da esplorare.

Giorno 1: dalle bellezze naturali del Velebit alle isole di Zara

Inizia il viaggio nella splendida regione di Zara immergendoti in alcune delle sue sorprendenti bellezze naturali: esplora la maestosa catena montuosa del Velebit, con escursioni attraverso i canyon mozzafiato del Parco Nazionale di Paklenica, oppure scopri le molteplici isole paradisiache disseminate nell’area.

Abbandonati anche al fascino del Parco Naturale di Telašćica, sull’isola di Dugi Otok (chiamata in italiano Isola Lunga), dove ti aspettano indimenticabili avventure marine, spettacolari scogliere e paesaggi incontaminati di estrema bellezza. Ecco un consiglio: per avvistare i migliori panorami, recatevi all’antica vedetta Grpašćak, oggi Centro di Interpretazione e Formazione dove poter trovare ristoro e cercare informazioni, oltre ai souvenir.

Nella Regione di Zara, sono circa 300 le isolette che attendono di essere esplorate: da quella di Ugljan, dove assaporare squisiti piatti di pesce, alle vicina Pašman o Pag, con il suo paesaggio lunare, fino a Molat (Melada), Iž (Eso), Zverinac, e la più celebre e graziosa isoletta a forma di cuore Galešnjak: sono tutte spettacolari.

L'ex vedetta Grpašćak, nel Parco Naturale di Telašćica, in Croazia

Fonte: Filip Brala

Centro di Interpretazione ed Educazione Grpašćak, nel Parco Naturale di Telašćica

Giorno 2: avventure all’aperto tra monti e mare

Dopo aver esplorato le isole della regione di Zara, puoi dedicare il secondo giorno a varie attività all’insegna dell’avventura.

Per gli amanti dell’adrenalina, la regione di Zara offre una moltitudine di esperienze all’aperto. Potrete affrontare le rapide del fiume Zermagna (in croato Zrmanja) in un’avventura emozionante di rafting o kayak, attraverso la bellezza scenica di questo corso d’acqua immerso nella natura, chiamato anche “la Bella e la Bestia” per la sua natura mutevole. È caratterizzato, infatti, da zone tranquille alternate a correnti più agitate o cascate.

In alternativa, è possibile noleggiare una bicicletta e pedalare tra gli uliveti e i villaggi storici sulle isole di Ugljan e Pašman, oppure tuffarsi nelle loro acque cristalline in un’indimenticabile esperienza di snorkeling.

Se decidi di dirigerti nell’area del Parco Nazionale di Paklenica, oltre all’escursionismo e all’arrampicata sulle rocce, si potrà esplorare le profondità, invece che le altezze. Non perdere l’opportunità di visitare il vasto sistema di grotte della regione, comprese le famose Grotte di Cerovačke: sono aperte ai visitatori e disponibili per far vivere un’avventura speleologica davvero memorabile.

Giorno 3: relax e divertimento in spiaggia

Dopo avventure adrenaliniche e camminate in montagna, per il terzo giorno puoi concederti una giornata di relax sulle splendide spiagge della regione di Zara.

Che tu preferisca la tranquilla spiaggia di Saharun sul Dugi Otok (in italiano Isola Lunga), o l’atmosfera vivace delle spiagge vicino a Zara, ci sono tratti di costa adatti a ogni esigenza. Le famiglie adoreranno le spiagge per bambini a Privlaka (in italiano Brevilacqua) o a Pakoštane, che offrono una ricca varietà di sport acquatici.

E se sei amante delle avventure, oltre a dedicarti alla nuotata, all’immersione e allo snorkeling, le spiagge della regione di Zara presentano una moltitudine di attività alternative da provare: dal SUP (Stand Up Paddle) al kitesurf o al windsurf, fino al wakeboard e alla più rilassante canoa.

Che decida di avventurarti in attività acquatiche o di riposarti sulla sabbia dorata ascoltando i suoni del mare, in qualsiasi spiaggia di Zara si può assistere a uno spettacolo che ammalia proprio tutti: quando il sole cala e la giornata volge al termine, il tramonto dipinge un paesaggio dai colori più caldi e intensi, regalando panorami mozzafiato.

Vivi le onde dell'Adriatico attraverso il kitesurf a Nona (Nin), in Croazia

Fonte: TB Zadar Region

Vivi le onde dell’Adriatico attraverso il kitesurf a Nona (Nin)

Giorno 4: alla scoperta delle delizie gastronomiche

In un viaggio nella regione croata di Zara non può mancare l’esplorazione di profumi, colori e sapori proposti dalla sua vivace scena culinaria.

In ogni villaggio si potrà deliziare il palato con piatti di pesce fresco. come il risotto al nero di seppia e la pašticada dalmata, oppure con deliziose specialità di agnello: ogni ricetta è un capolavoro realizzato con ingredienti locali e genuini.

Il viaggio enogastronomico prosegue visitando il vivace mercato agricolo di Zara per assaggiare frutta fresca, fichi, formaggi, e il tipico “oro liquido”, ovvero l’olio d’oliva. Si potranno assaporare gli ottimi vini regionali anche nei ristoranti e nelle cantine che offrono interessanti degustazioni.

Consigliamo, inoltre, di visitare le saline di Pag o quelle di Nona (in croato Nin), che esistono fin dai tempi degli imperatori romani. A Pag, oltre al sale e all’agnello locale, il posto centrale su ogni tavolo è occupato dal celebre formaggio di Pag (paški sir) dal sapore unico e inconfondibile.

Il formaggio pecorino tipico di Pag: il Paški

Fonte: TB Zadar Region

Formaggio pecorino di Pag: il Paški

Giorno 5: esplorando la ricca biodiversità

Il viaggio alla scoperta della regione di Zara volge all’ultima tappa, dedicata all’esplorazione della sua ricca biodiversità. Consigliamo di recarsi al Parco Naturale del Lago di Vransko, una gemma naturale ricca di flora e fauna locali, nella quale potrete osservare, ad esempio, varie specie di anatre selvatiche e di aironi.

Si potrà così ammirare un ecosistema diversificato, casa di oltre 260 specie di uccelli e di una ricca varietà di altre specie animali. Esplorando i sentieri escursionistici e ciclabili, ben mantenuti, avrete anche l’opportunità di assistere a viste panoramiche sul lago e sui suggestivi paesaggi circostanti.

Il Lago di Vransko, ospita molti pesci d’acqua dolce e salata, attraendo così un gran numero di pescatori. Qui potrete anche cimentarvi con il kayak e i bambini non vedranno l’ora di divertirsi nel Parco Avventura del lago, che offre sfide di arrampicata, test di equilibrio ed emozionanti percorsi in zipline.

Affronta la sfida!

La regione di Zara offre un perfetto connubio di natura, cultura, avventura, gastronomia e relax. Che tu stia cercando emozioni all’aria aperta, delizie culinarie o giornate rilassanti, la regione di Zara soddisfa tutti i gusti. Riuscirai a cogliere appieno questa abbondanza in soli cinque giorni?

Categorie
Croazia Europa vacanze avventura Viaggi

Croazia, un paradiso per le arrampicate

Presa d’assalto nei mesi estivi per le sue acque cristalline, le numerose spiagge, la buona cucina e il perfetto clima mediterraneo, la Croazia è anche un paradiso per appassionati di arrampicate e free-climbing. Il merito è tutto della montagne a picco sul mare (non a caso il 60% delle spiagge croate è composto da sassi o ciottoli) e delle numerose formazioni rocciose presenti nelle aree interne del Paese, che ogni anno attirano scalatori da tutta Europa e dal resto del mondo.

In un’epoca nella quale il turismo adventure sta prendendo sempre più piede, la costa croata è in grado di offrire numerose location in cui cimentarsi nell’arrampicata immersi nella natura incontaminata di questo Paese. C’è soltanto l’imbarazzo della scelta: da nord a sud, dai percorsi più semplici per principianti a quelli più complessi destinati ai più esperti e temerari, i luoghi con pareti rocciose, spesso a picco sul mare, in Croazia sono uno più spettacolare dell’altro e tutti da scoprire.
Vediamo quali sono i siti migliori, dai più famosi a quelli meno noti, in questo splendido paradiso delle arrampicate.

Istria, tra mare e avventura

Per combinare una vacanza al mare e un’esperienza avventurosa, in molti scelgono la Istria. In quest’area situata a nord della Croazia si trovano nove pareti rocciose e ben 270 vie attrezzate per l’arrampicata, di diversi livelli di difficoltà. Tra le località più frequentate per quest’attività ci sono Buzet, con la salita della Raspadalica, Vintijana (nei pressi della città di Pula) e Zlatni Rt, da cui è possibile ammirare la favolosa città costiera di Rovinj. La parete di Zlatni Rt si trova a poca distanza dal mare e da qui la vista sull’arcipelago Rovignese è spettacolare, soprattutto al tramonto, quando il sole si immerge nel mare donando uno spettacolo di luci mozzafiato.

Penisola di Zlatni Rt

Fonte: iStock

Penisola di Zlatni Rt, Istria

Il Velebit centrale e Pag

Muovendoci poco più a sud lungo la Croazia troviamo il Parco nazionale del Velebit, nel quale svetta anche il massiccio del Velebit centrale, nel cuore delle Alpi Bebie. Distante dalle rotte turistiche, è consigliato a chi ha un minimo di preparazione in materia, visto che le pareti rocciose della località Ravni Dabar sono tutte classificate come difficoltà media.

In quest’area della Croazia si trova anche un’isola che, oltre a essere meta perfetta per una vacanza di mare e relax, è anche un ottimo sito per interessanti arrampicate. Stiamo parlando di Pag, una delle isole più rocciose, nella cui parte settentrionale si trova la parete di Stogaj, raggiungibile in barca e ottima per le scalate.

Parco nazionale di Paklenica

Decisamente più conosciute le arrampicate del Parco nazionale di Paklenica, meta imperdibile per gli appassionati scalatori di tutto il mondo. In quest’area a pochi chilometri dalla città di Stari Grad (in italiano chiamata Città Vecchia) ci sono oltre 300 vie di arrampicata lunga e 90 di arrampicata sportiva, con un’ampia possibilità di scelta sia per esperti che per principianti. Un luogo reso unico dalle pareti rocciose a strapiombo sul mare e dalla possibilità di avvistare la fauna locale, tra nidi di aquile e grifoni (ovviamente tenendosi a debita distanza e rispettando gli animali e l’ambiente).

All’interno del parco troviamo anche due canyon, il Velika e il Mala Paklenica, che sono tra i più battuti tra gli appassionati dell’arrampicata. Lungo un percorso di 10 ore attraverso le maestose gole è possibile arrampicarsi e ammirare il paesaggio in cui è immerso, tra natura, villaggi abbandonati e torrenti. Ma il sito che più di tutti spicca all’interno di questo paesaggio spettacolare è l’Anića kuk, la parete più celebre della Croazia.

Parco nazionale di Paklenica arrampicata

Fonte: 123rf

Arrampicata al Parco nazionale di Paklenica

Spalato, nella Croazia meridionale

Scendendo ulteriormente verso sud, si trova l’area di Spalato. Qui è possibile cimentarsi in una delle arrampicate vicinissime al centro della città, come Marjan o Kozjak, oppure quella di Trogir, molto particolare per la colorazione rossa delle sue pietre. In particolare, Marjan conta più di 80 percorsi di arrampicata su rocce calcaree che salgono fino a ospitare, sulla cima, antiche e affascinanti chiese. È questo un ottimo punto di partenza per i più inesperti, con la possibilità di farsi guidare da scalatori esperti.

Altri punti d’interesse perfetti per le scalate nell’area spalatina solo le isole di Hvar (Lèsina), Brač (Brazza) e Vis (Lissa). In particolare, l’isola di Brač custodisce percorsi adatti a tutta la famiglia, anche i più piccini, partendo dal villaggio di Lovišće. Inoltre, le spettacolari falesie di Hvar permettono di cimentarsi in questo sport, soprattutto nella zona meridionale dell’isola vicino al paese di Sveta Nedjelja.

Per gli amanti del deep water solo, invece, il luogo perfetto è Sustipan, a Spalato, con falesie a picco sul mare raggiungibili con una barca. Un mix perfetto tra arrampicata e tuffi in mare.

Markezina Greda, per i più esperti

Non molto distante da Spalato (a soli 10 chilometri), si trova il paradiso per le arrampicate più difficili, dedicato a tutti coloro che hanno maggiore esperienza in questo sport. La lunga parete scalabile di Markezina Greda, lunga diversi chilometri, ha altezze che variano dai 15 ai 150 metri. Dedicata ai più temerari, negli ultimi anni ha raggiunto una grande popolarità.

Omiš, tra le più spettacolari

Una delle scalate più spettacolari al mondo si trova infine a Omiš, città alla foce del fiume Cetina. Qui ci sono 40 vie brevi e cinque più lunghe che partono a due passi dal centro abitato, con percorsi che hanno un’altezza variabile dai 10 ai 30 metri. Durante l’arrampicata si può godere una vista spettacolare sul fiume, che offre numerose attività anche per gli amanti degli sport acquatici. Omiš è infatti la meta perfetta per coloro che vogliono alternare l’adrenalina dello sport al relax di una vacanza al mare.

Il periodo migliore per arrampicare in Croazia

Anche se in realtà questo sport è praticabile durante tutto l’anno, esistono dei periodi in cui è più confortevole scalare. Le due stagioni migliori sono sicuramente la primavera (tra marzo e aprile) e l’autunno (tra ottobre e novembre), mentre in estate è importante scegliere giorni non particolarmente caldi. Oltre al migliore periodo dell’anno, prima di iniziare una scalata è sempre bene accertarsi delle buone condizioni meteorologiche e che ci sia una bassa umidità.

Categorie
Croazia Europa Idee di Viaggio isole Viaggi

Cherso, isola da sogno della Croazia

Al largo della costa nord della Croazia, adagiata sul Golfo del Quarnero e separata da un canale con ponte mobile dall’isola di Lussino, si svela l’isola di Cherso (o Cres), la seconda per grandezza dopo Krk, dall’inconfondibile forma allungata e da una bellezza che rimane impressa.

Dal fascino indiscusso e misterioso, vanta un paesaggio plasmato da costa frastagliata, foreste, antichi borghi arroccati e graziosi villaggi: insomma, un paradiso tutto da scoprire e da vivere.

Cherso, le città e i villaggi da non perdere

Un tour alla scoperta dell’isola di Cherso non può non iniziare dall’omonima cittadina di mare, dall’aspetto veneziano, con casette color pastello e un suggestivo porticciolo. Il centro storico medievale è un vero e proprio “labirinto” di stradine e stretti vicoletti, con le alte abitazioni addossate le une alle altre, dove ritrovare, disseminati qua e là, richiami della dominazione di Venezia: stemmi di casate impreziosiscono le facciate dei sontuosi palazzi rinascimentali e fa ancora bella mostra di sé la cinquecentesca loggia da cui venivano letti gli annunci pubblici.

Da non perdere la Chiesa di Santa Maria della Neve, dedicata alla patrona dell’isola, una rilassante passeggiata sul lungomare, il collettivo “la Ruta” dove conoscere la tessitura e feltratura della lana con produzione di borse e cappelli, e il coloratissimo mercato ortofrutticolo di Trg Frane Petrica, cuore cittadino.

Molto apprezzato dai turisti è poi il villaggio di Osor, un tempo disabitato, oggi sede di eventi e punto ideale per immortalare romantici scorci e dedicarsi a rilassanti passeggiate. Inoltre, la sua attrazione principale è il ponte mobile che unisce Cherso con Lussino.

Di altrettanto interesse sono il villaggio più antico dell’isola, Beli, punto di partenza privilegiato per escursioni e trekking nelle foreste della Tramuntana, e Valun, alle pendici di un dirupo scosceso, quasi inaccessibile, che ha così preservato la sua autenticità e amene spiagge lambite da un mare cristallino.

Infine, da vedere sono il borgo medievale di Lubenice, arroccato a 378 metri, e il villaggio di Martinšćica che si apre su un’ampia baia punteggiata da spiagge lambite da acque trasparenti ed è avvolto da colline custodi di un forte preistorico, dei resti di una chiesa romanica, di una chiesa gotica e di una villa antica.

Le altre attrazioni di Cherso: dalle spiagge, al lago fino alla riserva naturale

Una vacanza a Cherso è l’occasione per fare “vita da spiaggia” in una cornice da sogno come, ad esempio, quella della baia di Mali Bok dove, al termine di un ripido sentiero, si cela una deliziosa spiaggia di ciottoli protetta da alte scogliere, o delle due spiagge del villaggio di Valun, abbracciate da una fitta pineta, oppure della favolosa spiaggia di Sv Ivan, una delle più belle in assoluto.

Ma non è tutto.

Tra le attrattive da appuntarsi, spicca il Lago di Vrana, incastonato tra le montagne dell’isola e ammantato di leggende: si narra, infatti, che sotto le sue acque vi siano i resti di un Castello sprofondato per punire una delle due proprietarie che derubò la sorella, e che le grotte tutt’intorno fossero abitate dalle fate…

Infine, va segnalata la riserva naturale nei pressi di Beli, l’Eco-Centre Caput Insulae, centro ecologico che si impegna per tutelare il grifone, uccello tipico della Croazia, ripristinando le condizioni ambientali che ne favoriscono la ripopolazione.

Categorie
Borghi Croazia Europa Idee di Viaggio Mar Adriatico mare Viaggi

Cosa vedere a Sebenico, città medievale sul mare

Sebenico, il cui nome in lingua locale è Sibenik, è una bellissima città della Croazia che si fa spazio sulla costa della Dalmazia centrale e affacciata sulla valle dove il fiume Krka si congiunge con il mare. Una località medievale che dalle cime di una collina si specchia sulle limpide acque dell’Adriatico, regalando soggiorni e meraviglie uniche.

Cosa aspettarsi

La periferia di Sebenico potrebbe lasciare un po’ delusi, ma quando si arriva al centro cittadino diventa praticamente impossibile non innamorarsene. Situata a metà strada tra Zara e Spalato, è una città d’arte, un centro culturale importante e un luogo conosciuto come “la città delle pietre”.

Il merito è dalle sue fortezze e dalla splendida Cattedrale che la dominano, e anche di tante altre attrazioni che sono una più suggestiva dell’altra. Ma a colpire sono anche i panorami che regala, al sapore di Mediterraneo e ricchi di colori scintillanti.

Cosa vedere

La città di Sebenico è divisa in due nuclei: c’è la parte antica che sorge su di una collina, e la zona turistica che si fa spazio sulla sua magnifica costa.

Sebenico, cosa vedere

Fonte: iStock

Una bellissima veduta di Sebenico

Probabilmente è la più sottovalutata tra le città costiere della Dalmazia, ma nei fatti offre un centro storico che è un vero gioiello e un susseguirsi di meravigliose attrazioni. Camminando sulle caratteristiche strade in salita della città vecchia, infatti, si incontrano diversi punti di interesse, come il Palazzo del Municipio, un edificio che è stato ricostruito a causa dei bombardamenti della Seconda guerra mondiale.

Tra le sue attrazioni migliori c’è senza ombra di dubbio la Cattedrale di San Giacomo, considerata un capolavoro architettonico ad opera dell’architetto e scultore Juraj Dalmatinac. Osservandola noterete una particolare caratteristica: possiede un fregio che orna le pareti esterne delle absidi con 71 teste scolpite. Raffigurano i cittadini di Šibenik nel XV secolo, con tutte le espressioni facciali possibili, dalla gioia alla paura, dalla tristezza alla rabbia.

Molto affascinante è anche la Chiesa di San Giovanni che è stata costruita alla fine del XV secolo. Non sono di certo da meno la Chiesa e il Monastero Francescano, sede di diversi dipinti in stile barocco-veneziano e affreschi del XIV e XV secolo.

Poi ancora la Chiesa di Santa Barbara che tra le sue mura custodisce un museo di arte sacra con dipinti, incisioni e sculture dal XIV al XVIII secolo.

Ma questi sono solo alcuni esempi, perché gli edifici religiosi di Sebenico sono ben 24. Da non perdere sono anche il Teatro, costruito tra 1864 e 1870 in stile neo rinascimentale, e Piazza della Repubblica, nella quale troneggiano la Cattedrale di San Giacomo e Loggia Grande, sormontata dalla Chiesa di Tutti i Santi che è raggiungibile con una lunga scalinata.

La piazza è anche la sede della Cisterna Magna, un serbatoio che serviva per la raccolta delle acque piovane, e della chiesetta di Santa Barbara, fatta in pietra e con due campanili a vela.

Di particolare interesse è anche il Palazzo Vescovile che conserva due opere di pregio, la Madonna di Nikola Vladanov e la Madonna con 4 Santi di Biagio da Traù, e due maestosi portali, uno in stile tardo gotico e l’altro in stile Rinascimentale.

Poi ancora la Fortezza di San Michele, baluardo della città, da cui ammirare scorci di Sebenico davvero emozionanti. Un tempo era il più importante sistema difensivo cittadino, mentre oggi nel suo cortile superiore vengono svolti spettacoli di teatro all’aperto e concerti sotto le stelle.

Vale la pena anche raggiungere il lungomare per fare una piacevole passeggiata lungo Canale di Sant’Antonio, un percorso pedonale di circa 4,5 chilometri pregno di aree verdi, caffè e ristoranti. Come è possibile intuire, il momento più romantico in cui accedervi è il tramonto.

Cattedrale di San Giacomo a Sebenico

Fonte: iStock

La maestosa Cattedrale di San Giacomo

Le spiagge

Essendo Sebenico una bellissima città medievale affacciata sul mare, è giusto chiedersi se ci siano anche spiagge da sogno. La risposta è sì: la spiaggia più famosa è quella cittadina e prende il nome di Banj. Apprezzata da persone di tutte le età, si estende per 170 metri e offre una vista preziosa sul centro storico, la Fortezza di San Michele e il Canale di Sant’Antonio. Nel 2016 è stata premiata come migliore spiaggia della Croazia e su di essa sventola fiera la Bandiera Blu.

Fatta di ciottoli, mette a disposizione anche una piacevole passeggiata costiera, parchi giochi sportivi e per bambini e bar direttamente sulla spiaggia.

Molto bella è anche la spiaggia di Jadrija, particolarmente amata dai cittadini di Šebenico che la raggiungono dall’ormai lontanissimo 1921. A render il tutto ancor è più vivace è la presenza di varie cabine-spogliatoio colorate, che ormai sono diventate reali attrazione sui social network.

Inoltre, è una spiaggia che può vantare una doppia personalità: la parte settentrionale è di ghiaia e pietra con parti in cemento, quella meridionale è esclusivamente in cemento.

A circa 6 chilometri di distanza da Sebenico sorge il complesso alberghiero Solaris dove si estendono bellissime spiagge per ben 4 chilometri di lunghezza. C’è la spiaggia di ciottoli e sabbia, dove è possibile noleggiare ombrelloni e sedie a sdraio (in legno), ma anche spiagge per famiglie, terme e club.

Vale la pena fare un salto anche presso Zaboric, un villaggio costellato di magnifiche baie naturali e spiagge di ghiaia e sabbia. L’acqua è cristallina e la presenza di fitte foreste di pini assicurano un’abbondante dose di ombra naturale.

C’è poi la spiaggia di Rezalište che sorge a Brodarica, a soli 6 chilometri da Sebenico. Fatta di ciottoli, è piena di strutture per bambini.

Infine Zablać, un piccolo villaggio che offre una spiaggia di ciottoli con una parte in cemento.

Insomma, un viaggio a Sebenico è davvero completo di tutto. Non resta che inserire questa bellissima città croata della lista dei propri desideri di viaggio.

Sebenico spiagge top

Fonte: iStock

Ingresso del Canale di Sant’Antonio che conduce alla città di Sibenik
Categorie
Croazia Europa Notizie Viaggi

Vuoi trasferirti in Croazia? In questo villaggio le case sono quasi regalate

Una piccola comunità rurale, immersa nella campagna e situata lungo un corso d’acqua. Qui, in questa cittadina della Croazia, le case vengono vedute a un prezzo davvero simbolico: quasi regalate. Sulla scia delle varie proposte simili che si sono succedute in Italia, dove in alcuni borghi le abitazioni sono state vendute anche per solo un euro, la Croazia sperimenta nuovamente questa iniziativa per provare a ripopolare la cittadina.

Il prezzo? Solamente 13 centesimi: un’occasione perfetta per chi sogna di cambiare vita e trasferirsi all’estero, magari proprio in Croazia.

La cittadina croata dove le case vengono quasi regalate

Per chi sogna di trasferirsi in Croazia c’è un’occasione da non perdere: il borgo di Legrad mette le sue abitazioni in vendita alla cifra simbolica di 13 centesimi. Il villaggio già in passato aveva sperimentato un simile progetto e ora ci riprova con un nuovo lotto di case. L’iniziativa, che ha preso il via per la prima volta qualche anno fa, ha già dato i suoi frutti. Come riporta la CNBC, i media locali croati hanno spiegato che i bambini sono aumentati e che si sta costruendo un nuovo asilo nido. Precedentemente ne sono state vendute 17, almeno secondo quanto riferito dalla Reuters e all’epoca il Comune aveva supportato gli acquirenti per eventuali opere di ristrutturazione.

Questa iniziativa si inserisce nel solco di altre simili che hanno caratterizzato – ad esempio – diverse location italiane come Mussomeli in Sicilia, dove le case erano state vendute per un euro.

Da quando c’è stato questo nuovo annuncio a Legrad sono state già vendute cinque case e tre famiglie si sono trasferite. Ma chi ha diritto all’acquisto? I nuovi residenti del villaggio devono avere meno di 45 anni, avere una relazione e non devono avere precedenti penali o possedere altri beni. In merito a quest’ultimo aspetto non è noto se l’obbligo di non avere altre proprietà si riferisca unicamente alla Croazia o anche ad altri stati.

Legrad, tutto quello che c’è da sapere sulla cittadina croata

Legrad si trova nella regione di Koprivnica e Križevci nella zona settentrionale dellla Croazia: ha circa 2000 abitanti e si trova lungo il fiume Drava. Immersa nel verde e nella natura, ha anche delle suggestive spiagge che si trovano lungo il corso d’acqua.

Da qui si raggiunge in pochissimo tempo Zagabria (circa un’ora e mezza di viaggio in automobile), inoltre il villaggio è vicino al confine con l’Ungheria.

La sua posizione molto favorevole, infatti, nel passato l’aveva resa un importante centro commerciale per tutta la zona che attirava mercanti anche dall’Italia. Ma poi le cose sono cambiate e la cittadina è divenuta un luogo periferico e non più nevralgico. Così l’iniziativa, partita qualche anno fa, ha avuto lo scopo di ripopolare il villaggio, all’epoca il sindaco aveva detto, come riporta un articolo di Forbes: “Ci siamo trasformati in una città di confine con pochi collegamenti con altri luoghi. Da allora la popolazione è andata gradualmente diminuendo”.

Ma ora le cose stano cambiando e l’interesse si è nuovamente acceso. Del resto, Legrad è il luogo perfetto per chi ama la natura e vivere in un posto tranquillo.

Categorie
Croazia Europa foreste Natale Notizie vacanza natura Viaggi

C’è una foresta delle meraviglie che a Natale è popolata dai 7 nani

Ci mettiamo in viaggio per tantissimi motivi, lo facciamo per esplorare i capolavori selvaggi e sconosciuti, per raggiungere i luoghi iconici e i monumenti architettonici che sono diventati il simbolo di città e Paesi interi e per immergerci nella cultura e nelle tradizioni locali. Lo facciamo per visitare gallerie, musei e luoghi del sapere, e anche per raggiungere tutti quei parchi e quei giardini dove, grazie all’intervento dell’uomo, la natura può esplodere in tutta la sua bellezza.

Ed è proprio in uno di questi posti che vogliamo portarvi oggi, in un parco delle meraviglie che con gli anni si è trasformato in una destinazione imprescindibile per chi visita la Croazia. Stiamo parlando del Parco Angiolina, un gioiello suggestivo e affascinante situato nella città costiera di Opatija, che in italiano è chiamata Abbazia, che ospita centinaia di specie vegetali provenienti da ogni parte del mondo.

È proprio in questo polmone verde cittadino che, tra i sentieri pittoreschi, gli arbusti e i fiori colorati, esiste una foresta che ha subito un incantesimo temporaneo. Si è trasformata, infatti, nella dimora dei 7 nani e dei loro amici. La magia durerà per tutte le vacanze di Natale.

Il parco delle meraviglie che ha subito un incantesimo

Organizzare un viaggio in Croazia è sempre un’ottima idea, in ogni periodo dell’anno e in ogni stagione. Il paese dell’Europa orientale che si affaccia in parte sul mare Adriatico, infatti, è un concentrato di meraviglie naturali, culturali e storiche che incantano a ogni chilometro percorso. Le cose da fare e i posti da visitare sono davvero tantissimi, tra questi c’è anche Abbazia.

Si tratta di una rinomata località turistica e balneare frequentata soprattutto nel periodo estivo. La città, infatti, affaccia direttamente sul mare e la sua posizione strategica consente di vivere vacanze da sogno fatte di relax e spensieratezza.

Abbazia, inoltre, è conosciuta anche per lo splendido Parco Angiolina, un giardino di piante provenienti da ogni dove che si snoda attorno all’omonima villa di origine ottocentesca e che ospita anche il Museo del Turismo Croato.

Il parco, uno dei più belli di tutto il Paese, è la casa di un’ampia varietà di specie floreali che danno spettacolo in ogni stagione. La camelia, che qui prospera, è diventata il simbolo della città. Oltre a questo esemplare troviamo l’abete americano, il cipresso dell’Himalaya, l’aralia e altre 150 specie.

Questo polmone verde urbano, come abbiamo anticipato, merita sempre una visita, in ogni periodo dell’anno. Tuttavia è adesso che i suoi sentieri hanno subito un incantesimo. Durante il periodo dell’Avvento, e fino al 7 gennaio, è possibile fare degli incontri davvero molto particolari con creature magiche! I 7 nani e i loro amici, infatti, hanno deciso di trasferirsi momentaneamente qui.

Parco Angiolina: un Natale da fiaba

Fonte: Pixsell/Alamy Live News/ Ipa

Parco Angiolina: feste da fiaba

Parco Angiolina: un Natale da fiaba

Se avete in mente di organizzare un viaggio in Croazia durante il periodo delle feste, allora, non potete non inserire nel vostro itinerario di viaggio anche una tappa ad Abbazia. Raggiungendo la città potrete visitare il Parco Angiolina che, in questo periodo, si è acceso di magia.

Migliaia di luci hanno illuminato il giardino, i padiglioni e l’affascinante villa, e l’intero parco si è trasformato nel palcoscenico di spettacoli musicali che si alterneranno fino al 7 gennaio. Ma è solo addentrandovi nei fitti sentieri lussureggianti dell’area che potrete toccare con mano l’incantesimo.

Camminando all’interno del parco, infatti, si raggiunge una foresta verdeggiante dove vivono delle strane creature. Si tratta dei 7 nani, e dei loro amici, che hanno scelto di trasferirsi momentaneamente qui, forse in attesa di Biancaneve, o forse perché anche loro non sono rimasti immuni dal fascino del giardino. Fatto sta che la loro presenza ha trasformato il Parco Angiolina in una fiaba tutta da vivere.

Questo parco si è trasformato in una fiaba

Fonte: Pixsell/Alamy Live News/ Ipa

Questo parco si è trasformato in una fiaba

 

Categorie
Croazia Europa Idee di Viaggio Mar Adriatico Viaggi viaggiare

Viaggio a Opatija, la regina dell’Adriatico

Opatija, che in italiano chiamiamo Abbazia, è una bellissima città della Croazia che può essere definita la regina dell’Adriatico. Non solo perché è una splendida località di mare, ma anche perché è stata la destinazione balneare più ricercata dall’élite austro-ungarica durante l’impero asburgico.

A dimostrazione di quanto appena detto ci sono una serie di sontuose ville in stile belle époque, che anche oggi vengono ammirate dai numerosi turisti che qui vengono a trovare piacere e relax.

Cosa aspettarsi

L’affascinante città di Opatija si trova in Istria e si affaccia sulla splendido Golfo del Quarnaro. Sorge in una posizione riparata alle pendici del monte Maggiore, e in più è circondata da boschi di lauro e parchi.

Un piccolo gioiello, quindi, dotato di uno splendido lungomare che fa sentire tutti imperatori, re e regine. Pur essendo una meta particolarmente amata e frequentata durante il periodo estivo, Opatija ha un’anima frizzantina nel corso di tutto l’anno: ci sono spettacoli teatrali e folkloristici, concerti, opere, mostre e molte altre cose ancora, merito anche del suo clima mite che favorisce eventi e appuntamenti.

Cosa vedere

Opatija offre un meraviglioso lungomare che è pregno di monumenti di rilievo che raccontano l’antica storia cittadina. Si cammina all’ombra di piante di alloro e lecci per ben 12 chilometri e si può persino fare rigeneranti in soste in affascinanti parchi verdissimi. Uno di questi è il parco Angiolina, uno spazio in cui dimorano più di 150 specie di piante davvero particolari, come la camelia giapponese che è ormai divenuta un simbolo cittadino.

Il mare, in tutto questo, sarà sempre protagonista, una cristallina distesa d’acqua su ci si affacciano ville che sono dei capolavori.

Dopo il lungomare da non perdere sono Obala Maršala Tita, una via ricca di hotel, ristoranti e negozi; il Viale delle Stelle, ovvero una passeggiata che omaggia i croati che si sono distinti nel campo dello sport, della scienza, cultura e arte; il sentiero di Carmen Sylva, realizzato tra fine Ottocento e inizio Novecento.

Straordinaria è anche la Chiesa di San Giacomo che è totalmente immersa nel verde. Recente ma particolarmente interessante è la Chiesa dell’Annunciazione della Beata Vergine, che vanta una cupola color smeraldo che svetta nei cieli limpidi.

Imperdibile è poi il simbolo per eccellenza di Opatija: la scultura di una ragazza che tende la mano a un gabbiano e che è stata costruita in cima a un promontorio che si specchia nel mare. Ma non è l’unica scultura, perché in giro per tutta la città ci sono opere di artisti e artiste croate che raffigurano tantissimi personaggi diversi, come un barcaiolo abbaziano, una danzatrice di fama internazionale, un violinista e molto altro ancora.

Infine, il Museo del Turismo Croato che prende vita in tre magnifici palazzi. Il più sfarzoso è senza ombra di dubbio Villa Angiolina che è pregna di decorazioni, affreschi, capitelli e mosaici.

Le spiagge

C’è da essere onesti: quelle di Opatija non sono le spiagge più belle della Croazia, ma nonostante questo hanno un fascino indiscutibile per gli scorci che offrono.

La spiaggia cittadina è cementata, ma ciò non toglie che proprio da qui ci si possa tuffare in un mare limpido e dalle mille sfumature di blu.

Categorie
capitali europee Croazia Europa luoghi misteriosi Notizie Viaggi Zagabria

È tempo di Avvento: la città di Zagabria è la meta più magica di questo periodo

Quello che sta per arrivare è il periodo più speciale dell’anno, un momento fatto di luci che scintillano, di gioia e di calore familiare. Tutto, intorno a noi, cambia volto e le città si vestono con i loro abiti più belli che illuminano le strade e impreziosiscono gli edifici. Ed è proprio nella città di Zagabria, in Croazia, che durante i giorni dell’Avvento succede qualcosa di magico: l’atmosfera diventa più suggestiva che mai, merito anche di un prezioso castello che in questo periodo si fa testimone di una fatata storia natalizia.

L’Avvento di Zagabria

Zagabria, Capitale della Croazia, è speciale ogni giorno per via della sua grandissima quantità di musei, parchi, edifici e altre interessanti attrazioni. Ma è nei giorni del Natale che succede qualcosa di unico e che conquista i visitatori da tutto il mondo.

Sì, avete letto bene, perché l’Avvento di Zagabria è conosciuto in tutta Europa e oltre, e non a caso il suo colorato mercatino natalizio è stato proclamato il migliore del nostro continente per ben tre anni consecutivi.

Dal 2 dicembre al 7 gennaio un numero pressoché infinito di lampioni diffonderà la luce su questa straordinaria Capitale, regalando un’atmosfera così dolce e romantica da essere difficile da trovare altrove.

Sarà come passeggiare in un sogno a occhi aperti, perché nelle strade, piazze, parchi e in tutti gli angoli cittadini si potrà vivere questo clima incantato. Magari scaldandosi con un buon bicchiere di vin brulè, oppure con un’irresistibile cioccolata calda.

Poi gli odori tipici del periodo, come quelli della cannella e dei chiodi di garofano, che inebrieranno ogni vostro passo, mentre intorno a voi risuoneranno le inconfondibili note natalizie.

Ma a catapultare in una fiaba non saranno solo strade, profumi e sapori, perché anche le istituzioni, come i musei, i teatri, le chiese e le gallerie, metteranno in scena spettacoli, mostre, serate musicali, installazioni e presepi viventi per vivere a 360 gradi l’affascinante atmosfera dell’Avvento.

Ci saranno poi anche i concerti all’aperto, così come quelli al chiuso, ma la splendida notizia è che si potrà ascoltare musica – e anche ballare – persino sui tram che viaggiano nelle pittoresche vie cittadine. E poi quelle tradizioni che non possono mancare, come l’accensione delle lampade a gas e i mercatini che sono sparsi in tutta la città.

Concerti di Natale a Zagabria

Fonte: Julien Duval

I concerti natalizi di Zagabria

Divertimento assicurato anche per i più piccoli

Tutti amano il Natale, ma coloro che sono davvero felici, spensierati e con gli occhi che si illuminano di gioia sono i bambini. E di certo la città di Zagabria ha pensato anche a loro, creando un programma particolarmente divertente per le più piccole età.

Volete degli esempi? I vostri figli potranno passare giornate gioiose tra pattinaggio, magiche installazioni luminose, spettacoli fiabeschi, giocattoli innovativi e persino conoscendo gli incantesimi del mondo animale. Ed è proprio sugli animali che c’è una sorpresa in più.

Avvento per tutta la famiglia (compresi gli amici a quattro zampe)

I nostri amici pelosi sono parte della famiglia, e per questo in città sarà organizzato anche un Avvento adatto a loro. Una delle mete più conosciute a Zagabria da raggiungere con i propri amici pelosi è il Cat Café. Si tratta di un locale dove i visitatori possono stare con i piccoli compagni per poi fare un’allegra passeggiata per le vie addobbate della città.

Ma non è finita qui, perché quest’anno ci saranno anche speciali regali di Natale per gli amanti degli animali: Il Timeout Heritage Hotel sarà la sede del Wooftop Pawty, un programma che assicura tanto divertimento e deliziosi spuntini per i piccoli cani, e anche una manciata di consigli utili per chi decide di adottare quelli che purtroppo non hanno ancora una casa.

Come muoversi a Zagabria

L’Avvento di Zagabria è davvero speciale, e per renderlo ancora più unico a disposizione dei visitatori ci sarà la Zagreb Card che apre le porte di tutti i tram e autobus dello ZET, la società dei trasporti locali, e anche di numerosi musei e del bellissimo zoo cittadino.

Insomma, non resta che organizzare un viaggio a Zagabria durante il periodo dell’Avvento, un momento dell’anno che qui si caratterizza per avere uno spirito impareggiabile grazie alla collaborazione di tutta la città, sia della popolazione che delle istituzioni: la magia del Natale si può toccare con mano in ogni albero di Natale, in ogni schiaccianoci, in ogni caldarrosta e in ogni tradizionale nota musicale che vibra in tutta la Capitale.

Pattinare sul ghiaccio a Zagabria

Fonte: Julien Duval

La meravigliosa atmosfera di Zagabria